Civitanova, sul palco del Varco sul mare la rivoluzione delle ‘non signore’ del rock

da sin Claudio Morresi Maria Luce Centioni Fabrizio Ciarapica e Lucrezia Ercoli

ROCKSOPHIA. Al debutto del festival la campionessa azzurra del lancio del peso Assunta Legnante

Tina Turner, Sinead O’Connor, Patti Smith. E poi Patty Pravo, Caterina Caselli, Mina, Loredana Bertè, Gianna Nannini, fino a Madame e Irene Grandi. Le vite delle donne della musica si intrecciano con la rivoluzione culturale operata a colpi di outift, musica, parole e gestualità.

Rocksophia non poteva scegliere debutto migliore per iniziare il festival: un Varco sul mare stracolmo ha regalato la giusta atmosfera alla kermesse che ha mostrato il tributo di diverse generazioni di interpreti alla rivoluzione culturale e sessuale del Paese. Grazie alle voci, anch’esse in rosa, di Lucrezia Ercoli, direttrice artistica, della giornalista Claudia Bonadonna e della filosofa Ilaria Gaspari, il philoshow ha saputo offrire una chiave di lettura sulle conquiste femministe giunte a noi non attraverso leggi e manifestazioni di piazza, ma con la potenza di un’immagine come quella di Loredana Berté che canta in abito da sposa rinnegando un futuro scritto da “angelo del focolare” o di Patti Pravo che sceglie già nel nome d’arte il riferimento alle “anime prave” indicando la via della perversione come marchio di identità. E ancora Caterina Caselli che col suo caschetto biondo firma il manifesto del “Nessuno mi può giudicare”. A fare il resto ci ha pensato la band Factory con le esecuzioni dal vivo dei brani e i video montaggi di Riccardo Minnucci.

Ad aprire la serata il sindaco Fabrizio Ciarapica assieme alla presidente dei TDC Maria Luce Centioni e al vicesindaco Claudio Morresi. Il primo cittadino ha ricordato come “Popsophia rappresenta una parte dell’identità di questa città che negli anni ha saputo trasformarsi spingendo sempre oltre l’asticella delle aspettative degli spettatori. Uno spettacolo che è una produzione sempre inedita e che siamo orgogliosi di ospitare e legare al nome di Civitanova”.
Soddisfazione è stata espressa anche dalla presidente dei TdC che ha anticipato il tema della serata: “il rock non è solo musica, ma è emancipazione” – ha detto, per poi lasciare spazio ad un’“invasione di campo” come l’ha definita l’assessore allo sport e vicesindaco Claudio Morresi per tributare un riconoscimento al successo di un’altra protagonista, stavolta dell’atletica, Assunta Legnante che appena due settimane fa ha ottenuto la sua quinta medaglia iridata della carriera.

Una prima giornata tutta in rosa, dunque, aperta con un flash mob danzato sulle note di Tina Turner dalle allieve della scuola di danza Effort e proseguita con gli interventi di Alessandro Alfieri, esperto di musica e filosofia e Noemi Serracini, scrittrice e voce radiofonica. Alfieri nel produrre un “ritratto narrato” di Tina Turner ha posto il tema che è stato poi il filo conduttore di tutta la giornata, ovvero il rapporto fra opera e dimensione privata dell’artista, contestualizzando le canzoni di Tina Turner e incrociandole col suo vissuto. Allo stesso modo Noemi Serracini ha offerto, partendo da canzoni come “Dancing barefoot” e “People have the power” uno spaccato della dimensione spirituale della “sacerdotessa del rock”.

Assunta Legnante con il vicesindaco e assessore allo sport Claudio Morresi
Potrebbe interessarti anche

                       

Articoli correlati

                       

Dalla home
VUOI RIMANERE SEMPRE AGGIORNATO?

Iscriviti al nostro
canale telegram

Tag
Autore

I Più LETTI
DELLA SETTIMANA

I Più condivisi
DELLA SETTIMANA

 

Ultime NEWS