Civitanova, Gabellieri: “Faremo ripartire questa bellissima città, è il momento degli aiuti per tutti i settori”

L'assessore Gabellieri

L’assessore alla Cultura e al Turismo fornisce alcune precisazioni sull’utilizzo del fondo comunale destinato alle imprese

“L’Amministrazione comunale sosterrà gli operatori del turismo e del commercio con tutte le misure necessarie per aiutarli a far fronte al duro colpo subìto dal settore. Le attività turistiche sono la linfa del nostro territorio e nessuno sarà lasciato solo in questa situazione drammatica; se non riparte l’economia, non riparte il Paese e di conseguenza questo ricadrà sulle famiglie”. Scrive in una nota l’assessore alla Cultura e al Turismo di Civitanova Marche, Maika Gabellieri.

L’emergenza è sanitaria e senza confini e questo ci impone di seguire in maniera ferrea le indicazioni del Governo, ma nessuno ora è in grado di fornire un piano per il rilancio futuro delle attività. L’incertezza di quello che potrà accadere nei prossimi mesi, con l’estate alle porte, ci spinge come amministratori ad agire subito per sostenere quanti stanno subendo pesanti perdite, affinché non si aggiungano altri drammi allo strazio per le tante vite perse a causa di questo virus”.

“Come già annunciato ieri, il Sindaco ha proposto un emendamento al Bilancio di previsione per costituire un fondo di circa 1.100.000 euro e vorrei precisare che in esso confluiranno anche gli aiuti per il settore turistico, sicuramente tra i più colpiti. Nell’immediato avevamo previsto la sospensione dell’imposta di soggiorno, per dare un primo sostegno, mentre tra pochi giorni proporremo quest’altra misura forte per riequilibrare gli stanziamenti necessari, studiando insieme in quale modo o misura. Ci sono molteplici aspetti da valutare e da verificare, ma di certo non lasceremo soli i nostri operatori”.

“L’obiettivo finale è la ripartenza di tutte le attività, ma ciò potrà avvenire solo quando avremo alle spalle l’emergenza sanitaria. In questo momento non possiamo prevedere quali saranno le nuove regole di aggregazione sociale dell’immediato futuro. Questa emergenza ci porta a sostenere e a stare accanto alle aziende locali individuando i loro bisogni, motivo per cui questa Amministrazione ha deciso di accantonare delle risorse in un capitolo a parte per l’emergenza per sostenere le attività colpite. Il settore turistico-culturale non viene abbandonato, ma dovrà essere certamente riscritto e ridisegnato in base alle nuove esigenze e al nuovo scenario per ora sconosciuto, ma che ci auguriamo possa tornare ad essere anche più florido del precedente. Solo insieme e uniti vinceremo questa battaglia”.


Articoli più letti della settimana