Città Di Falconara, inibito il presidente e multa salata

CALCIO A 5 – Non corrisposte le somme economiche pattuite con ben otto atlete

Inibizione per tre mesi al presidente Marco Bramucci e ammenda di 500 euro al Città di Falconara. È la decisione del Tribunale Federale Nazionale in merito al deferimento proposto dal Procuratore Federale nei confronti del legale rappresentante e del club militante nella massima serie del futsal femminile, in grado di arrampicarsi due stagioni fa sul tetto d’Italia aggiudicandosi lo scudetto dopo la Coppa Italia e la Supercoppa. Tutto nasce, recita il comunicato, “per non aver corrisposto alle calciatrici Rozo Da Rocha, Praticò, Dalmae, Ferrara, Polloni, Di Biase, Debiasi e Dos Santos le somme accertate dalla Divisione Calcio a 5 nella procedura di controllo degli accordi economici, disposta con Comunicato ufficiale numero 239 dell’11 novembre 2022, preso atto che la società Città di Falconara non ha ottemperato a quanto disposto non avendo presentato nel termine perentorio prescritto alcuna liberatoria sottoscritta dalle otto tesserate”.

Prima dell’apertura dell’udienza, la Procura Federale, lo stesso Bramucci e il Città di Falconara hanno depositato proposte di accordo che il Tribunale ha dichiarato efficaci inibendo a tre mesi il presidente all’epoca dei fatti e decretando la sanzione di 500 euro per il Città di Falconara. Adesso è tempo di pensare al futuro per la società che ha annunciato nei giorni scorsi la volontà di iscriversi al prossimo campionato di A1 femminile con programmi ridimensionati dovendo far quadrare i conti.

redazione
Author: redazione

Potrebbe interessarti anche

                       

Articoli correlati

                       

Dalla home
VUOI RIMANERE SEMPRE AGGIORNATO?

Iscriviti al nostro
canale telegram

Autore

I Più LETTI
DELLA SETTIMANA

I Più condivisi
DELLA SETTIMANA

 

Ultime NEWS