Ciak si gira: Ascoli di nuovo protagonista sul grande schermo con “La bambina di Chernobyl”

In scena le vicende di Christian, introverso pasticcere interpretato da Vincenzo Pirrotta, e Nina, modella ucraina con un oscuro passato da svelare

di Federico Ameli

“La bambina di Chernobyl”, Ascoli di nuovo protagonista sul grande schermo. Riprese in programma nel prossimo autunno per il film prodotto da Cine 1 Italia con il contributo di Fondazione Marche Cultura, scritto da Massimo Nardin e Luca Caprara. Sessioni di casting in città già a partire da luglio

Ciak, si gira. E ancora una volta ad Ascoli. A qualche anno di distanza dal successo de “L’ombra del giorno”, film del regista ascolano Giuseppe Piccioni con protagonisti Riccardo Scamarcio e Benedetta Porcaroli, le bellezze del centro storico si apprestano a fare da sfondo a una nuova produzione cinematografica tutta italiana.

Nella mattinata di oggi, mercoledì 29 maggio, il Caffè Meletti ha ospitato la conferenza stampa di presentazione de “La bambina di Chernobyl”, film prodotto da Cine 1 Italia con il contributo di Fondazione Marche Cultura, scritto da Massimo Nardin e Luca Caprara per la regia dello stesso Nardin, che tra qualche mese animerà le vie del centro con un dramma sentimentale che si preannuncia già particolarmente atteso in città.
Dopo aver ottenuto il primo posto nel bando per l’audiovisivo pubblicato dalla Regione Marche, la produzione curata da Pete Maggi e Federica Folli sbarcherà ufficialmente ad Ascoli a partire dal prossimo autunno per mettere in scena le vicende di Christian, introverso pasticcere interpretato da Vincenzo Pirrotta, e Nina, modella ucraina con un oscuro passato da svelare. Il tutto all’ombra delle cento torri, che in questo modo proseguiranno con successo in un percorso intrapreso ormai da diversi mesi per valorizzare le potenzialità della città anche attraverso la settima arte.

Ascoli protagonista sul set a 360° gradi, dato che la produzione ha già annunciato la volontà di promuovere diverse sessioni di casting in città già a partire da luglio. Aspiranti attori e comparse potranno mettersi alla prova e tentare di ottenere una parte candidandosi via e-mail all’indirizzo e-mail casting@cine1italia.it. “Abbiamo qui il fiore all’occhiello del bando, che anche in termini economici ha rappresentato un importante ragionamento fatto sul territorio – commenta Andrea Agostini, presidente di Fondazione Marche Cultura – La troupe troverà una città accogliente, scoprirà la comodità e la qualità della vita di Ascoli e una realtà che ha già lavorato a stretto contatto con la produzione cinematografica, purtroppo in una fase di emergenza cinematografica. A partire dall’opera di Piccioni e anche attraverso questa pellicola vogliamo consolidare un grande esempio di cineturismo”.

Grande soddisfazione espressa anche dai produttori, dal regista e dal protagonista designato, concordi nel mettere in evidenza le potenzialità della città anche in chiave cinematografica. Appuntamento, dunque, al prossimo autunno con il ritorno di Ascoli sul grande schermo.

redazione
Author: redazione

Potrebbe interessarti anche

                       

Articoli correlati

                       

Dalla home
VUOI RIMANERE SEMPRE AGGIORNATO?

Iscriviti al nostro
canale telegram

Autore

I Più LETTI
DELLA SETTIMANA

I Più condivisi
DELLA SETTIMANA

 

Ultime NEWS