Certezze, sorprese e un mercato in evoluzione: tutto dopo la prima d’Eccellenza

CALCIO – Civitanovese e Tolentino potrebbero optare per cambiamenti: punti esterni pesanti per Castelfidardo e Monturano

E’ andata in archivio la prima di campionato nel bellissimo torneo di Eccellenza. Tante sorprese, qualche certezza e la consapevolezza che ogni domenica in ogni campo la partita può essere da tripla. Partiamo dalle certezze: la Maceratese vince con il Chiesanuova una partita non bellissima. I biancorossi portano a casa tre punti pesanti e potrebbero veder partire nelle prossime ore Napolano, scontento per la sostituzione nel corso del confronto. Non sarebbe un grave problema vista la rosa lunghissima. Le sorprese di giornata le piazzano Urbino e Urbania: i ragazzi di Ceccarini vincono 1 a 3 sul terreno della Civitanovese mentre gli uomini di Omiccioli superano con lo stesso risultato la truppa dell’Osimana. Sia a Civitanova che Osimo ci sono dei malumori e potrebbero esserci novità di mercato (soprattutto nei rossoblu). Il centrocampista Bernardini rischia ma non sarebbe il solo. Nei prossimi giorni attese novità. Chi parte male è il Tolentino che interpreta il match alla grande per quasi 90′ prima di perdere a causa di due gravi errori individuali: il primo di Mistura che perde un pallone banale al limite dell’area e dà la chance a Monachesi poi di metterla dentro con un bel tiro e poi l’errore di Balloni al 95′ (però prima gran gol e ottima prova) che lascia la porta spalancata al giovanissimo Del Gobbo: è festa grande per la Sangiustese. Dal canto suo il Tolentino (privo di Petrucci) si lecca le ferite e riparte da domani forse con qualche novità in rosa: infatti potrebbero esserci degli addii. Sorprese positive arrivano da Castelfidardo (sfiorato il colpaccio) e Monturano (squadra combattiva): pari esterni su terreni durissimi come quelli dove giocano il K Sport e il Colli. L’equilibrio del torneo è confermato dai pari di Montegiorgio-Jesina e Montegranaro-Montefano. La sensazione è che soprattutto dietro non ci sarà la squadra sulla carta più debole di tutte e ovviamente la differenza la faranno le rose lunghe.

Andrea Busiello
Author: Andrea Busiello

Potrebbe interessarti anche

                       

Articoli correlati

                       

Dalla home
VUOI RIMANERE SEMPRE AGGIORNATO?

Iscriviti al nostro
canale telegram

Autore

I Più LETTI
DELLA SETTIMANA

I Più condivisi
DELLA SETTIMANA

 

Ultime NEWS