Ad Clicks : Ad Views : Ad Clicks : Ad Views : Ad Clicks : Ad Views : Ad Clicks : Ad Views :

Casette Verdini, un tris da favola per mister Ruffini

/
img
Michele Pietrella

PRIMA CATEGORIA – Morlacco, Pietrella e Ulissi i primi innesti di spessore dell’ambiziosa società granata

di Michele Raffa

Il Casette Verdini non resta alla finestra a guardare. L’ambiziosa società granata, dopo lo scotto subito per il terzo posto in campionato e l’eliminazione nella finale playoff del girone C contro il Corridonia, è ripartita più motivata che mai spinta anche dalle dirette rivali, le quali man mano si stanno rinforzando con innesti di assoluto spessore. E il Casette Verdini, giustamente, non vuole essere da meno, partendo proprio dalla panchina con l’arrivo di Matteo Ruffini dopo la parentesi in Promozione alla guida del Camerino. Per il tecnico tolentinate è un piacevole ritorno in quanto, con lui in panchina, il Casette Verdini vinse il campionato di Prima. Che sia questa la volta buona? A parlare sarà il campo, ma se i primi innesti sono Andrea Morlacco, Michele Pietrella e Maicol Ulissi, sognare è lecito. Il primo arriva dalla Vigor Montecosaro e la sua esperienza tra i pali (classe ’82) conterà moltissimo per le sorti del Casette. Così come a centrocampo fondamentale sarà l’apporto di un mediano come Pietrella. Sarà il cervello e la regia della squadra e i suoi inserimenti, sempre pericolosi, potranno sicuramente fare al caso di mister Rossini. Davanti invece, per un Okere che parte c’è un Ulissi che arriva. Dopo una stagione tra luci e ombre in quel di Trodica, l’attaccante è pronto a rilanciarsi con la maglia del Casette Verdini. La concorrenza in campionato è agguerrita e mai come quest’anno i suoi gol potranno essere decisivi per le sorti della squadra. Loro tre vanno ad inserirsi in un contesto ben collaudato e oleato, ma con l’arrivo del nuovo tecnico qualcosa potrebbe cambiare. Un discreto blocco dello scorso anno è confermato, i primi colpi sono stati assestati, ora la dirigenza del Casette Verdini si prenderà del tempo per fare le attente valutazioni con l’intento di puntellare ulteriormente una rosa di per sé competitiva, ma che numericamente e qualitativamente può ancora crescere.

  • Facebook
  • Twitter
  • Google+
  • Linkedin
  • Pinterest
This div height required for enabling the sticky sidebar
error: Contenuto protetto !!