“Caro sindaco, addobbi di più la città in questo periodo di Covid”

Foto ANSA

La letterina di una bimba di Camerino scioglie i cuori di tutti

Scrive una lettera al sindaco per chiedergli di “addobbare più che mai la città per Natale, visto che questo periodo è già così difficile per il covid“. A farlo è stata Agnese Zamponi, una bimba di 10 anni di Camerino, uno dei Comuni del cratere sismico, che, nei giorni scorsi, ha preso carta e penna e ha messo nero su rosso – il colore del cartoncino – il suo desiderio. L’Ansa ha raggiunto Agnese, il giorno di Natale, presso la sua abitazione per capire cosa l’abbia spinta a scrivere al sindaco Sandro Sborgia che, nel frattempo, ha fatto protocollare la lettera dagli uffici comunali. “Ho scritto al sindaco – racconta Agnese – per chiedere di mettere più luci possibili così che anche questo Natale potesse essere bello come gli altri”. Agnese, seppur così piccola, ha già vissuto due grandi emergenze: il terremoto di 4 anni fa che ha distrutto la città e lesionato la sua casa ed ora il coronavirus.

Tra i due mi fa più paura il terremoto – dice -. Il covid non mi spaventa, mi fa paura soltanto per mia nonna”. Racconta di essere dispiaciuta del fatto che non potrà stare con tutti i parenti, anche se “ritengo giusto restare in casa”. Agnese frequenta la quinta elementare “Ugo Betti”, racconta che del covid hanno parlato più volte a scuola. Alla domanda come si immagina il 2021, si ferma a pensare per qualche istante, con molta timidezza che traspare tutta dalla sua mascherina rosa: “Credo che il covid ci sarà ancora, ma forse per il prossimo Natale sarà tutto passato”. E questo è il desiderio più grande che si porta dentro il suo cuore di bimba, da esprimere la notte di Natale.

Vuoi rimanere sempre aggiornato?

Articoli più letti della settimana

error: Contenuto protetto !!