Capodanno Marche, le usanze portafortuna

Poche ore ci separano al 2023

Poche ore ci separano al nuovo anno. Il Capodanno, la notte tra il vecchio anno e il nuovo anno, è un evento molto festeggiato in tutte le Marche.

E in queste ore che precedono la mezzanotte ci sono diverse usanze e tradizioni che i marchigiani si tramandano di generazione in generazione. E quindi allontanare il malumore, e rispettare il più possibile le tradizioni di buon auspicio. Una fra tutte: mangiare 12 chicchi di uva. Ma perché 12? L’uva sarà un ottimo portafortuna se verranno mangiati 12 chicchi al ritmo degli ultimi rintocchi di campana prima della mezzanotte. Questa tradizione è arrivata dalla Spagna, e prese sempre più campo nelle Marche, quando arrivarono nel Cinquecento gli ebrei spagnoli espulsi e quest’ultimi iniziarono una nuova vita tra le campagne marchigiane. Un altro tra i portafortuna a cui non si può fare a meno è un bel piatto di lenticchie. Mangiare lenticchie vuol dire ricchezza e prosperità per il nuovo anno.

Tra i portafortuna, validi in tutte le zone, c’è l’obbligo di indossare abbigliamento intimo di colore rosso porti fortuna e di baciarsi nella notte di Capodanno sotto al vischio.

Potrebbe interessarti anche

                       

Articoli correlati

                       

Dalla home
VUOI RIMANERE SEMPRE AGGIORNATO?

Iscriviti al nostro
canale telegram

Autore

I Più LETTI
DELLA SETTIMANA

I Più condivisi
DELLA SETTIMANA

 

Ultime NEWS