Caldarola, secondo tavolo di confronto sulla ricostruzione

Al via dalla zona del centro storico e dalla “bretella” di collegamento viario

Facendo seguito al precedente incontro di luglio, si è tenuto ieri (16 settembre) presso i locali comunali un tavolo di approfondimento voluto dall’amministrazione comunale (presenti il Sindaco Giuseppetti, il vice Di Tomassi,l’Assessore Minnucci ed il consigliere Ciarlantini) con la minoranza consiliare (presenti i consiglieri De Angelis, Biondi e Cataldi) e l’Università Politecnica delle Marche, in persona dell’Arch. Marinelli e dell’Ing. Domenella, per discutere ed approfondire lo stato e le prospettive della ricostruzione, anche alla luce delle nuove ordinanze n.105-106 e 107 recentemente emanate dal Commissario Straordinario. Per l’Ufficio Tecnico Comunale erano presenti il responsabile Ing. Spinaci e l’Arch. Re.

 

Con particolare riferimento all’ordinanza n.107, l’Amministrazione Comunale e l’Arch. Marinelli hanno evidenziato la volontà e la necessità di predisporre quanto prima il Programma Straordinario di Ricostruzione (Psr) per Caldarola, per poi pervenire alla sua approvazione in Consiglio Comunale, con la gradita presenza nell’occasione del Commissario Straordinario Avv. Legnini, come da egli già pubblicamente anticipato, facendovi confluire tutto l’importante lavoro preparatorio già svolto, in modo tale da unire e coordinare tra loro le diverse tipologie di interventi previsti ed individuati.
Il PSR prevederà un impianto programmatico generale e la divisione in comparti specifici da approvare successivamente per stralci, in modo tale da velocizzare l’avvio delle attività di ricostruzione, ad iniziare dalla zona del centro storico e dalla “bretella” di collegamento viario, che costituirà un’infrastruttura primaria per il rilancio del paese e permetterà nel contempo di effettuare la cantierizzazione degli interventi in modo più agevole.

Si sono valutate diverse possibilità di sviluppo del tracciato della strada in discorso, mirando ad individuare il percorso migliore sia sotto il profilo ambientale sia sotto quello di minore invasività, ottimizzando i costi relativi.
Nel prossimo mese, inoltre, saranno avviati incontri con tutti i proprietari di immobili siti nei nuclei frazionali, che saranno aperti non solo a coloro che sono interessati dalle perimetrazioni ma anche a quelli esterni al perimetro individuato e già approvato, al fine di concertare anche in questi borghi la migliore strategia possibile per addivenire ad una ricostruzione condivisa e di qualità.

Articoli più letti della settimana