Caldarola, fine anno scolastico: il saluto del sindaco ai ragazzi di quinta elementare

Il sindaco Luca Maria Giuseppetti parla agli studenti (foto di repertorio)

“In questo momento difficile ci avete insegnato la tenacia, la disciplina il rispetto delle regole”

Parole al miele quelle di Luca Maria Giuseppetti. Come di consueto, il sindaco di Caldarola, al termine dell’anno scolastico ha voluto rendere omaggio a tutti quei bambini che hanno terminato il loro quinto anno alla scuola primaria e si apprestano a fare il salto a quella secondaria.

“Ai miei giovani al raggiungimento di un importante traguardo dopo i 5 anni di scuola primaria. Care ragazze e cari ragazzi, si è appena conclusa una stagione della vostra infanzia che vi ha portato a vivere grandi emozioni, 5 anni di scuola primaria che vi hanno permesso di affrontare il vostro primo approccio alla vera vita, quella fatta di aggregazione, uguaglianza, divertimento ma soprattutto impegno.

Il primo gradino di una grande scalinata che vi porterà ad affrontare le vere sfide della vita.
E grazie all’impegno e alla professionalità delle vostre maestre e della Dirigente scolastica e alle tante attenzioni che come Amministrazione Comunale, prima con il terremoto ora con il Covid19, cerchiamo di riservare proprio a voi, giovani future generazioni della nostra tanto amata Caldarola, siamo sicuri che crescerete sviluppando a pieno le vostre capacità, sempre pronti a migliorarvi e a migliorare la società che vi circonda. Non manca l’impegno e l’affetto delle vostre famiglie pronte a seguire e sostenere costantemente voi ragazzi per mettere a frutto insegnamenti utili anche per noi adulti, da sempre consapevoli che non si smette mai d’imparare.

La fine della scuola primaria vi dà diritto ad un biglietto d’ingresso nel mondo degli adulti, a maggior ragione in questo difficile momento caratterizzato dal terremoto prima e dal Coronavirus poi. Voi ci avete insegnato la tenacia, la disciplina il rispetto delle regole per il nostro e per l’altrui benessere.

Come Sindaco amo incontrare di persona voi ragazzi, da sempre all’apice del miei pensieri e dei miei progetti futuri, purtroppo questo lockdown non ce ne ha dato la possibilità, spero di potervi abbracciare tutti a settembre, all’inizio della prima media dove tutto cambierà per voi, ma sono sicuro che l’impegno che avete dimostrato in questi 5 anni, chi più chi meno, darà importanti frutti. Vi abbraccio con il pensiero e vi ricordo che la mia porta sarà sempre aperta per voi, per le vostre richieste e per ascoltare le vostre necessità, ora godetevi le tanto meritate vacanze estive, ricaricate le energie per un’altra entusiasmante avventura chiamata Vita!”.

error: Contenuto protetto !!