Calcio a cinque, serie B: stop al campionato e spazio ai recuperi

Il Cus Ancona in azione

La Divisione ha optato per rimodulare la stagione dopo i numerosi rinvii

“Visto il perdurare dell’emergenza sanitaria, stante le difficoltà logistiche nell’organizzazione delle partite – recita il comunicato della Divisione Calcio a 5 – ascoltati i pareri e le esigenze di tutte le società all’interno delle riunioni svolte in modalità di videoconferenza, il Commissario Giuseppe Caridi ha deciso per la rimodulazione dei Campionati Nazionali di Serie A2 femminile e Serie B. Sarà data priorità al recupero delle gare rinviate sino a oggi, con conseguente differimento dei turni di campionato già in calendario, il tutto finalizzato alla regolarizzazione dello svolgimento dei Campionati.

A partire dalla data del 21 novembre sarà definito il recupero delle gare fino a oggi rinviate e conseguentemente si provvederà alla rimodulazione dei Campionati Nazionali di Serie A2 femminile e Serie B al termine della fase dei recuperi. La calendarizzazione degli incontri di recupero sarà definita in accordo con le società, tenendo conto della cronologia delle gare rinviate per ciascun girone e del completamento degli isolamenti fiduciari e/o obbligatori ancora in atto. Tutte le partite saranno calendarizzate con comunicato ufficiale di prossima pubblicazione”.

In poche parole dal comunicato si comprende che le gare di campionato sono state momentaneamente sospese per fare posto alle partite non disputate pur senza indicare una tempistica ben precisa. Basti pensare che nell’ultima giornata di campionato nessuna squadra è scesa in campo e ci sono in serie B, anche nel girone D che pullula di marchigiane (Cus Ancona, Montesicuro Tre Colli, Corinaldo, Futsal Askl, Eta Beta Fano, Potenza Picena, Grottaccia Cingoli, Recanati e Cagli) si sono alcune squadre che devono recuperare 3 partite come il Cesena. Per quanto concerne il Cus Ancona, ha saltato le gare con Ternana prima e Cesena poi a causa di 4 giocatori risultati positivi al Covid. I biancoverdi nemmeno sabato prossimo potranno scendere in campo, in quanto i quattro giocatori sono risultati ancora positivi al Covid 19 e ai quali si è aggiunto un altro che dovrà osservare un periodo di quarantena fiduciaria a causa di un doppio contatto stretto con due persone risultate positive.


Articoli più letti della settimana