Bruniera e quel gol di D’Anna: “Cara Fermana, è un bel giocatore”

Cornacchini e, più indietro, il vice Bruniera

SERIE C – Il vice di Cornacchini ha visto da avversario l’esterno in Virtus Bergamo-Lecco di due stagioni fa. Scambio con Liguori confermato

D’Anna con la maglia del Lecco

Smaltite le linee di febbre, mister Cornacchini è tornato a dirigere gli allenamenti della Fermana lasciando però spazio, in conferenza stampa, al suo vice Andrea Bruniera. Di fronte ai microfoni Bruniera ha dimostrato di saper palleggiare bene su vari argomenti, rispondendo anche ad una provocazione di mercato. Quella che riguarda l’arrivo a Fermo di Simone D’Anna, esterno classe ’90 del Lecco che la società sta scambiando con Liguori.

Bruniera, d’altronde, D’Anna lo conosce. Primo turno di Coppa Italia di D 2018-19. Il 2 settembre si incontrarono infatti Virtus Bergamo, la squadra allora allenata da Bruniera, e Lecco, compagine che nel suo 4-2-3-1 vantava proprio D’Anna. Come finì la sfida? 0-1, gol D’Anna, che a maggio vinse pure il pallone d’oro della Serie D planando in C.

D’Anna me lo ricordo, non tanto per quel gol, ma perchè certi giocatori si conoscono – ha detto Bruniera durante l’appuntamento con i giornalisti -. E’ un buon elemento che predilige giocare dalla metà campo in su, tecnico, veloce, può servire. La Fermana ora è impostata in un certo modo, ma si può sempre cambiare…”. Da Lecco, nel frattempo, giungono conferme. Lo scambio con Liguori si farà (leggi il focus), non dovrebbe mancare molto per l’ufficialità.

Bruniera in conferenza

Bruniera, poi, ha parlato del suo rapporto con Cornacchini e del momento di questa Fermana rinfrancata dal lavorone dello staff. “Giovanni non lo conoscevo approfonditamente, ma mi è piaciuto il feeling che si è creato subito, è uno semplice, che sa quello che vuole, è trasparente nella comunicazione, ci illustra le sue idee facile da comprendere e da trasmettere. Io e Massimiliano Vadacca siamo di supporto, curiamo l’attivazione tecnica nella prima parte dell’allenamento e siamo sempre lì a mantenere alta l’attenzione del gruppo per non abbassare mai l’intensità che il mister vuole”.

Domenica a Mantova sarà la prima gara di un filotto da brividi, ma Bruniera rigira la frittata. “Le sfide più pericolose erano quelle di prima, ora incontreremo squadre più quotate tecnicamente ma non avremo nulla da perdere. La Fermana sta crescendo, potrà dare del filo da torcere a tutti, rimanendo consapevole di non aver fatto nulla sino ad oggi. Andremo a Mantova come se fosse il Legnago o il Ravenna, con umiltà, determinazione e cattiveria agonistica”.