Blondett flop dell’anno, misfatto Kyeremateng: mettete Pannitteri in un’ampolla per i playout

PAGELLE FERMANA – Il genovese con la Reggiana è disastroso come quasi sempre. Canarini pochi gol? Sì, ma la difesa è peggio. Orazio nona perla ma è stanco, “Kyere” doveva giocare

di Lorenzo Attorresi

Ginestra 5.5: paradossalmente mai impegnato dalla Reggiana, al massimo su tiri centrali che diventano comodi. Lanini spacca l’incrocio su punizione, Zamparo e Cremonesi ringraziano ma non certo Gino. Non lucidissimo (una barriera messa non proprio bene), non serenissimo (che svociate al povero Rodio), ma la stagione è lunga e ai playout ci sarà bisogno delle sue manone.

Alagna 6: a fine primo tempo si fa investire dal treno in corsa Lanini, che chiusura di testa in area piccola. E’ un martelletto, a volte sbaglia pure i tempi perchè troppo aggressivo. Chiude cotto.

Blondett 4: acquisto alla Frediani, ossia sbagliato. Difensore flop, nonostante il curriculum di tutto rispetto. E’ semplicemente un disastro e non è la prima volta. Perde il corpo a corpo con Zamparo nemmeno fosse uno della juniores, e Cremonesi gli mangia in testa per almeno tre volte. A gennaio sembrava che lo volesse il Real Madrid, probabilmente lì è terminata la sua stagione. Forse meglio farlo andar via? Ma anche prima non è che avesse fatto stravedere. Bisogna darsi una svegliata per evitare la seconda retrocessione consecutiva personale…

Scrosta 5: male anche lui, va per liberare e invece la ridà facile facile agli altri. I numeri della difesa sono in picchiata, altrochè attacco scadente. Quello, bene o male, era stato sempre così…

Sperotto 5: un polpaccio malandato, una prestazione sofferente, con tanto di grave difetto in occasione della prima rete della Reggiana. Col destro innesca un campanile sul quale Blondett sviene.
Spedalieri (41’st) sv

Pannitteri 6: palesemente sottotono, stanco, abulico, da almeno due gare. Eppure segna ancora. E’ la nona perla stagionale. Per rivitalizzarlo basterebbe poco: ossia affiancarlo a qualcuno che sia in grado di dividersi le responsabilità con lui. Lo fa Kyeremateng, ma oramai è troppo tardi. Un consiglio: metterlo in un’ampolla in vista dei playout.

Mbaye 5: a sprazzi, in debito energetico dovuto al Ramadan. Una sola sgroppata per consegnare un pallone a Marchi – tiro alto – e poi, tanto per cambiare, un cartellino giallo che prima aveva sfiorato ripetutamente. Sarà squalificato.

Graziano 5: in regressione, fa fatica. Ha poco ritmo, poco impatto e non va mai in avanti. Sempre e solo passaggino laterale o indietro per Sperotto.
Capece (23’st) 6

Rodio 6: ci prova con almeno un paio di cross.

Frediani (31’st) sv: c’è gente che lo criticava anche quando, inizialmente, dispensava assist da calcio da fermo. Che dire ora che è sparito in tutto e per tutto? Non pervenuto da parecchi mesi. Equivoco clamoroso.

Cognigni 5.5: parte non male, gestisce alcuni palloni in modo discreto, ma lontano dalla porta non può pungere e non c’è nessuno al suo fianco che possa allungare la squadra. Finisce per fare gli stessi movimenti di Marchi, coppia che non va.
Kyeremateng (23’st) 6.5: zero gol in C, una manciata di partite in categoria in carriera, eppure bisogna rimpiangere la sua assenza. La gestione, però, non convince. Aveva un problemino? Non poteva giocare dall’inizio? Allora metterlo a 20′ dalla fine sullo 0-2 appare illogico, anche se è proprio l’ex Teramo, acciaccato, a cambiare la partita con le sue folate. Che prima erano tremendamente mancate.

Marchi 5.5: ex Reggiana (zero gol nel 2016-17), stavolta arriva al tiro in più d’una circostanza ma non prende mai la porta. Come prestazione non dispiace neppure, difende palloni, li lavora, rincorre. Si mangia un gol poco prima della rete di Pannitteri, poi entra attivamente all’azione dell’1-2 col cross in mezzo.
Baldassarri (all) 5.5: scelte obbligate per il tandem offensivo Cognigni-Marchi? Forse sì, forse no. Manca Tassi, Boateng è in panca solo per fargli respirare il campo, Kyeremateng è acciaccato, ma l’ex Viterbese Simonelli? Perchè non puntare sulla sua corsa? Senza profondità la squadra finisce per schiacciarsi, di conseguenza non ripartire e subire. La fase difensiva è un problema. Questa Fermana becca sempre gol. In vista degli spareggi servirà ritrovare impenetrabilità.

LA CRONACA DI FERMANA 1-2 REGGIANA

Potrebbe interessarti anche

                       

Articoli correlati

                       

Dalla home
VUOI RIMANERE SEMPRE AGGIORNATO?

Iscriviti al nostro
canale telegram

Autore

I Più LETTI
DELLA SETTIMANA

I Più condivisi
DELLA SETTIMANA

 

Ultime NEWS