Blitz al mercato: finanza sequestra oltre 2.500 articoli con marchi contraffatti e insicuri

Un venditore ambulante extracomunitario rischia una sanzione fino a 26mila euro

Blitz dei finanzieri della Tenenza di Porto Recanati al mercato settimanale della città rivierasca, per il contrasto del commercio di prodotti recanti marchi contraffatti o insicuri per la salute pubblica nonchè a tutela del Made in Italy e, più in generale, all’abusivismo commerciale.

In particolare, una pattuglia ha individuato un venditore ambulante extracomunitario, il quale poneva in vendita numerosi articoli di bigiotteria.

Dopo un accurato esame delle migliaia di articoli detenuti dall’ambulante, i finanzieri ne hanno individuato oltre 2.500, risultati non conformi alla normativa prevista dal Codice del Consumo, per quanto attiene al contenuto minimo delle informazioni e indicazioni previsti dalla normativa in materia di sicurezza prodotti. La merce è stata sottoposta a sequestro ed il venditore è stato segnalato alla Camera di Commercio per l’adozione dei provvedimenti amministrativi di competenza: rischia sanzioni fino a 26.000 euro.

I fenomeni della contraffazione e dell’abusivismo commerciale sono moltiplicatori di illegalità: parallelamente, alimentano i circuiti sommersi del lavoro nero, dell’immigrazione clandestina, dell’evasione fiscale e contributiva, del riciclaggio e di altri gravi illeciti. Chi compra merce contraffatta, peraltro, oltre a commettere un illecito, mette a rischio la propria salute, poiché tali prodotti spesso non rispettano gli standard di sicurezza richiesti dalla normativa.

Lo sforzo operativo della Guardia di Finanza, in tale comparto operativo, è finalizzato a disarticolare l’intera filiera distributiva delle merci contraffatte, risalendo ai poli produttivi, tutelare coloro che operano nel rispetto delle leggi e proteggere i consumatori, facilmente ingannabili per effetto delle insidiose condotte poste in essere dall’industria del falso.

Articoli più letti della settimana

Articoli più condivisi