Bigiotteria potenzialmente nociva alla salute: maxi sequestro della Finanza

Il materiale era esposto per la vendita al pubblico in un negozio di Gabicce Mare

I finanzieri della Compagnia di Pesaro, nell’ambito del rafforzamento dei controlli finalizzati al contrasto della contraffazione e dell’abusivismo commerciale, hanno sequestrato 22.345 oggetti di piccola bigiotteria, privi dei requisiti minimali di sicurezza previsti dalla normativa a tutela dei consumatori, per un valore complessivo di qualche migliaio di euro.
Il materiale, esposto per la vendita al pubblico in un negozio di Gabicce Mare, era privo delle informazioni essenziali relative alla natura, qualità ed origine dei prodotti, elementi utili a determinare, tra l’altro, la presenza di materiale o sostanze dannose all’uomo.
Le Fiamme Gialle, inoltre, a seguito della riscontrata totale mancanza dei canoni minimali di sicurezza dei medesimi prodotti, hanno proceduto a contestare, nei confronti del titolare dell’esercizio commerciale, violazioni amministrative per le quali sono previste sanzioni pecuniarie fino ad un massimo di 25.800 euro.
L’operazione rientra nel quadro delle attività svolte dalla Guardia di Finanza a contrasto della commercializzazione di prodotti che possono recare nocumento alla sicurezza ed alla salute del consumatore.