Aumenta la spiaggia concessa ai balneari, ombrelloni a cinque metri dalla riva

Gli chalet dovranno dotarsi di due  bagni ogni cento ombrelloni

Nell’agosto 2022 fu ridotta la spiaggia alle concessioni balneari, a seguito del blitz della Capitaneria di porto. Ora il Comune di San Benedetto del Tronto ha trovato la soluzione per l’estensione degli spazi verso il mare. Ma dovrà essere tassativamente rispettata la distanza di cinque metri dalla battigia della prima fila di ombrelloni.

Cosa cambia? La scorsa estate gli chalet dovettero togliere le prime file di ombrelloni: poiché la spiaggia si era allungata, i concessionari avevano piazzato gli ombrelloni nei nuovi spazi mantenendo la distanza di cinque metri dalla battigia. Ma questa occupazione fu ritenuta abusiva perché l’arenile aumentato non era stato assegnato in concessione.  Con le nuove disposizioni, gli chalet potranno aumentare gli ombrelloni piazzandoli nei nuovi spazi.

Nella mattinata di venerdì 16 dicembre, il sindaco Antonio Spazzafumo e l’assessore all’Urbanistica Bruno Gabrielli, insieme al personale dei Settori Urbanistica e Lavori Pubblici, hanno incontrato i rappresentanti degli operatori balneari e delle principali associazioni di categoria del comparto turistico per affrontare il tema dell’estensione delle concessioni insistenti sull’arenile.

Il Sindaco ha voluto comunicare direttamente agli interessati la soluzione individuata grazie al lavoro degli uffici comunali che ha ricevuto il via libera e la condivisione dalla Regione Marche. Il procedimento è stato condiviso dalla Regione Marche, nella persona della dirigente del Dipartimento Sviluppo Economico del Settore Turismo Paola Marchegiani.

 

La soluzione. Dal 15 gennaio al 15 febbraio 2023 sarà possibile per tutti gli operatori balneari presentare una richiesta di estensione dello spazio già concesso in cui potranno essere piantati gli ombrelloni.

Il Comune predisporrà un’apposita modulistica che conterrà una autocertificazione circa il rispetto delle norme e dei regolamenti igienico-sanitari vigenti. In particolare, si dovrà rispettare la proporzione tra il numero di servizi igienici disponibili e quello dei posti-ombra, nel rapporto di due bagni ogni cento ombrelloni.

È stato ribadito che la fascia di rispetto di cinque metri a partire dalla battigia dovrà essere garantita lungo tutto l’arco della giornata e in qualunque condizione di marea, e che l’adeguamento della concessione demaniale non contempla interventi strutturali né permette eventuali rimodulazioni delle volumetrie già presenti, ma solo l’area sulla quale è possibile disporre i punti ombra.

 

“Ci eravamo impegnati a trovare una soluzione – ha detto il sindaco Spazzafumo – che permettesse di affrontare la stagione balneare 2023 con regole chiare e in grado di soddisfare le richieste dei concessionari nel rispetto prioritario delle norme e dei diritti degli utenti della spiaggia. Sin dal momento, nello scorso agosto, in cui è emerso il problema, ci siamo messi all’opera e, grazie alla collaborazione di tutti, l’obiettivo è stato raggiunto”.

“Questa soluzione – ha infatti aggiunto l’assessore all’Urbanistica Gabrielli – è frutto del lavoro sinergico tra i nostri uffici, quelli della Regione Marche e quelli della Capitaneria di Porto che desidero ringraziare per il supporto fornito in questi mesi, grazie ai quali abbiamo potuto ottenere questo importante risultato

Franco Cameli
Author: Franco Cameli

Potrebbe interessarti anche

                       

Articoli correlati

                       

Dalla home
VUOI RIMANERE SEMPRE AGGIORNATO?

Iscriviti al nostro
canale telegram

Autore

I Più LETTI
DELLA SETTIMANA

I Più condivisi
DELLA SETTIMANA

 

Ultime NEWS