Assegnati premi Aiac Marche 2022

Una splendida serata a Macerata con tanto di tavola rotonda

Nell’anno in cui Macerata è stata nominata capitale europea dello sport, tra i tanti eventi in programma non poteva mancare il calcio è il mondo degli allenatori. Venerdì pomeriggio, presso presso la Biblioteca Mozzi Borgetti di Macerata, si è tenuto il Premio Aiac Marche che vedeva tra i protagonisti principali tutti quegli allenatori associati che avevano vinto i campionati o si erano distinti per altri episodi nel corso della stagione. La location di Macerata è stata scelta dal Presidente Regionale Aiac Gianluca Dottori che, assieme al Presidente Provinciale di Macerata Stefano de Stephanis, hanno messo in moto la macchina organizzativa con la collaborazione del comune stesso che ha patrocinato l’evento e al grande supporto dell’Assessore allo Sport ed Eventi Speciali Riccardo Sacchi. Sacchi stesso che ha fatto gli onori di casa portando anche i saluti del Sindaco Sandro Parcaroli. Naturalmente parlando di calcio è intervenuto per portare il suo saluto il testimonial di Macerata2022 l’arbitro maceratese di serie A, Juan Luca Sacchi. L’evento  è stato anche occasione per una bella tavola rotonda alla quale hanno preso parte i massimi vertici Nazionali di Aiac.  Presenti anche il Presidente della Lnd Marche Ivo Panichi e il Prof Stefano Pollastrelli Responsabile Giurisprudenza Unimc che hanno portato il loro saluto.
Sotto l’attenta regia del moderatore il giornalista Andrea Verdolini è finalmente iniziata la tavola rotonda che vedeva tra i relatori: il Presidente Nazionale Aiac Mr Renzo Ulivieri, il vice Avv. Pierluigi Vossi, il Segretario Avv. Luca Perdomi e il Docente di tecnica calcistica e coordinatore Sgs Marche Prof. Floriano Marziali. Il tema della tavola rotonda era: “Il calcio di oggi e la sua evoluzione. Il calcio sociale e il calcio d’elite: come possono coesistere?” La tavola rotonda era molto interessante e si è purtroppo dovuta interrompere per motivi di tempo dopo anche domande dei corsisti di licenza D presenti in sala. Si è quindi passati  alla premiazione dei mister associati che si sono distinti in campo per vittorie o altro. I riconoscimenti sono stati consegnati dai presidenti Aiac  provinciali di Ascoli Mirko Cudini, di Pesaro Sergio Antonazzo assente ma ha delegato Gianluca Segarelli, di Ancona Paolino Giampaoli e di Macerata Stefano De Stephanis. Presenti anche oltre al Delegato Preparatori Atletici delle Marche che fa parte del Gruppo Aiac il Prof  Marco Giovannelli assieme al responsabile del laboratorio di Metodologia e Biomeccanica Applicata al Calcio del Settore Tecnico FIGC Prof. Carlo Castagna.
Terminata appunto la tavola rotonda, che ha visto la presenza anche dei corsisti Uefa C, si è passati alla premiazione degli allenatori associati che hanno vinto il campionato o si sono distinti per particolari meriti extra campo. I mister che hanno ricevuto il premio dalle mani dei rispettivi presidenti provinciali dono: Gianluca Giuliani, Pierangelo Fulgini, Gianluca Latini, Giancarlo Pomili, Emanuele Ciabocco, Gabriele Battistelli e Tonino Vento (50 anniAiac), Nando Campobassi (35 anni Aiac), Nicholas Rapari (Fair Play) e Giuseppe “Pino” Brizi recentemente scomparso è stato insignito del premio alla carriera che è stato ritirato dal figlio Gianluca. Riconoscimento per la loro presenza anche per Il Presidente Ulivieri, e gli avvocati Vossi e Perdomi.  La serata è poi proseguita a cena per i rappresentanti provinciali e nazionali.

Dalla Home


Vuoi rimanere sempre aggiornato?

Articoli più letti della settimana

Ultime dalla provincia