Ascoli, Travanti risarcito per il calcio in piazza Viola

Piazza Viola, il luogo in cui si sono verificati i fatti

Pagamento di 1.500 euro ed estinzione del reato.  L’ex assessore: “Invito la maggioranza che appoggia l’attuale amministrazione a chiedere le dimissioni di Rosa”

Risarcimento di 1500 euro ed estinzione del reato. Si chiude così la vicenda che vedeva coinvolti l’attuale consigliere comunale della lista civica di centrodestra, Scelta responsabile, e presidente della commissione Lavoro, Alessio Rosa, difeso dall’avvocato Mauro Gionni, e l’ex assessore comunale all’Ambiente, Claudio Travanti, rappresentato dal legale Alberto Luzi.

La sentenza è stata emessa, questa mattina, dal giudice di Pace, Valentina Leccesi, in base alla congruità della condotta riparatoria, che ha appunto estinto il reato (lesioni lievi) di cui il consigliere comunale era accusato.

I fatti, che all’epoca fecero molto scalpore, risalgono al 22 giugno 2019, quando ad Ascoli era in corso un’accesa campagna elettorale per le Comunali. Secondo la denuncia presentata da Travanti (all’epoca leader della lista civica di centrodestra, Movimento ascolano), Rosa, in piazza Viola, lo avrebbe colpito con un calcio ad una gamba. Secondo il consulente medico nominato dalla Procura, il calcio aveva procurato all’ex assessore all’Ambiente lesioni guaribili in 15-18 giorni (da qui il ricorso al giudice di Pace): qualora, infatti, la prognosi fosse stata superiore ai 20 giorni, la causa avrebbe seguito l’iter penale e quindi del processo in tribunale.

Spetterà ora a Travanti decidere se ricorrere in sede civile. “Invito la maggioranza che appoggia l’attuale amministrazione Fioravanti – commenta Travanti, appena appresa la decisione del giudice – a chiedere le dimissioni del consigliere Rosa”.

Vuoi rimanere sempre aggiornato?

Articoli più letti della settimana