Ascoli si riscopre pazza di Ninkovic

Nikola Ninkovic

SERIE B – Giocatore straordinario, sempre più decisivo per i bianconeri

Essere Nikola Ninkovic vuol dire sorridere, più di quanto possa sembrare. Il serbo sta vivendo la sua miglior stagione tricolore, portando telecronisti ed opinionisti di tutto il mondo a chiedersi: “Come fa questo qui a giocare in Serie B?”. Infatti, avesse accettato la soluzione Crotone nel mercato di gennaio, adesso sarebbe in Serie A. Ma a lui importa veramente poco, anzi, in bianconero sprigiona fuoco e fiamme più di Charizard in combattimento. Nove gol, otto assist in stagione, 14 reti totali in 63 presenze con la maglia dell’Ascoli. Nel Partizan aveva 81 gare siglando 13 gol, prima di approdare nello stivale tra Chievo, Genoa ed Empoli.

Un giocatore che allenta i ritmi cardiaci della partita, che staziona sulla sinistra toccando la palla innumerevoli volte. Il bello è che tu difensore sai già cosa sta per fare, ma non lo prendi mai. E altrimenti Robben che carriera avrebbe fatto? Il fuoco in Ninkovic non si è mai spento. Diciamo che è divampato un po’ troppo a volte, vedesi il rigore della discordia con Da Cruz. Ma, parlando sempre di fiamme, diciamolo una volta per tutte: il gioco vale la candela. Il serbo è un genuino, così come spesso lo hanno dipinto compagni e staff tecnici.

Ora Dionigi e Bifulco hanno toccato le corde giuste, convincendo il giocatore ad impegnarsi quel minino anche in fase di non possesso. Di solito gli si assegna un uomo da marcare sulla sua zona sinistra e lui se ne occupa in relazione alla fase di pressing della squadra. Niente di eccezionale, ma è quello che serve per passare da un sublime talento ad un gradissimo giocatore. Non a caso, con l’arrivo di Dionigi ed applicando questo sacrificio, sono migliorati anche i risultati sotto porta. Non che prima siano stati scarsi, ma negli ultimi 11 gol bianconeri Ninkovic tra siglati ed assist ci è entrato per 6 volte.

Il contratto con i bianconeri scadrà il prossimo 30 giugno, ovvero nel 2021. Questa potrebbe essere anche l’ultima stagione del serbo ad Ascoli ma tutto è ancora da decidere. Le parti dovranno mettersi a tavolino e sicuramente il direttore sportivo Bifulco presenterà una congrua offerta al giocatore. L’idea di privarsene a lungo termine, davanti ad una somma notevole, può starci ma in combine dovrà essere unita ad una forza contrattuale che non spolpi la possibile richiesta dell’Ascoli in futuro. Anche se, per ora, le strade di Ninkovic e l’Ascoli sembrano essere davvero inseparabili. Corsia unica.