Ascoli show poi finale palpitante, Del Duca in festa per il primo pieno

L'Ascoli festeggia il gol di Bajic

SERIE B – I ragazzi di Bertotto vincono 2 a 1 con la Reggiana: nei minuti finali succede di tutto

Prima vittoria dell’Ascoli in campionato. Non senza sofferenza negli ultimi minuti, i bianconeri battono 2-1 la Reggiana al Del Duca.

Mister Bertotto sceglie ancora una volta Bajic davanti, confermando in toto la formazione scesa in campo contro il Frosinone. Cavion e Saric più centrali che mezzale con Sabiri quasi da trequartista in un 4-2-3-1. Tantissime assenze per covid nella squadra di Montagnolo, oggi chiamato a sostituire Alvini in panchina.

Scelte azzeccate però quelle del tecnico ascolano visto che i bianconeri dopo 4’ sono già in vantaggio: Sabiri, totalmente in giornata, dribbla tutti ed entra in area di rigore, viene atterrato ed è calcio di rigore. Lo stesso marocchino naturalizzato tedesco si incarica della battuta e batte Cerofolini che intuisce ma non devia fuori. Come nelle scorse partite la prima frazione di gioco è ottima per l’Ascoli. Al 10’ ci prova Pierini che opta per un sombrero da lontanissimo e poi calcia al volo. Palla alta ma gran bel gesto tecnico. Risponde la Reggiana al quarto d’ora. Da corner Mazzocchi anticipa il suo marcatore Pucino e gira di testa un cross ad altezza primo palo, la sfera però termina alta. Si parlava di giocate e allora ci pensa Bajic. Siamo al 25’ quando il bosniaco si gira in un fazzoletto evitando il suo marcatore, arriva alla mezzaluna e calcia potente rasoterra alla sinistra dell’estremo difensore che non la prende ed è raddoppio ascolano. Nel quarto d’ora successivo il Picchio amministra il vantaggio con un tiro di Saric respinto da Cerofolini e diverse situazioni dove è mancato l’ultimo passaggio.

Nella ripresa la storia non cambia e l’Ascoli che viaggia con il vento in poppa. Dopo ventidue secondi scalda il mancino Chiricò che rientra e calcia con palla sull’esterno della rete. Dopo 5’ ancora il furetto bianconero che con il suo marchio di fabbrica rientra sul sinistro e calcia ancora a giro stavolta centrando il palo. Ancora Picchio al 56’ con il neo entrato Tupta che lavora bene in affondo centrale, entra anche in area e calcia però addosso a Cerofolini che para con i piedi. La Reggiana è impotente in questa gara, merito un grande lavoro ascolano in tutti i reparti che nella ripresa ha pensato a non rischiare, provando con i tiri dalla distanza. Al 60’ lo prova Saric ma la rasoiata diagonale termina sul fondo. Si vede in avanti anche Kragl che ad otto dala fine crossa dal fondo, la palla viene deviata ancora nella sua zona e quindi decide di calciare. Il destro però termina alto. La squadra ospite non entra mai praticamente in partita prima del novantesimo quando sotto porta Mazzocchi sfrutta un assist di Kargbo e riapre il match. Quattro minuti di recupero che significano speranza per la Reggiana. Al 93′ ancora Kargbo segna di tap in scatenando la gioia di tutta la formazione ospite ma il direttore di gara indica un fuorigioco giustissimo su Marchi che era nella traiettoria dell’azione. La gara, battagliata fino alla fine, termina con l’euforia della prima vittoria ascolana.

ASCOLI-REGGIANA 2-1

RETI: 4′ rig. Sabiri (A), 25′ Bajic (A), 90′ Mazzocchi (R)

ASCOLI (4-2-3-1): Leali; Pucino, Brosco, Spendlhofer, Kragl; Saric (62′ Cangiano), Cavion; Chiricò, Sabiri (55′ Tupta), Pierini (62′ Gerbo); Bajic (84′ Donis).
A disposizione: Ndiaye, Sarr, Corbo, Ghazoini, Matos, Avlonitis, Sini, Lico.
Allenatore: Bertotto.

REGGIANA (3-4-1-2): Cerofolini; Gyamfi, Espeche, Martinelli; Libutti (46′ Marchi), Radrezza, Varone (76′ Kargbo), Kirwan; Voltan (61′ Pezzella); Mazzocchi, Zamparo (46′ Zampano, 89′ Gatti).
A disposizione: Voltolini, Venturi, Galeotti.
Allenatore: Montagnolo.

ARBITRO: Meraviglia di Pistoia

NOTE: ammoniti Varone (R), Saric (A), Pucino (A), Zampano (R), Pezzella (R). Rec. 1′ pt, 4′ st


Articoli più letti della settimana