Ascoli, reddito di civiltà: sono 70 i disoccupati che hanno fatto richiesta

Le prime 28 persone verranno inserite nell’apposita graduatoria

Sono 70 i disoccupati che hanno presentato una richiesta, al Comune di Ascoli, per usufruire del reddito di civiltà, la nuova misura di sostegno messa a punto dall’ente. Con l’accoglimento delle domande, a questo punto prende il via la fase istruttoria che porterà per l’inizio del 2020 all’avvio del reddito di civiltà, con il coinvolgimento, questa prima fase, delle prime 28 persone che verranno inserite nella apposita graduatoria che ora, entro febbraio, sarà definita dall’Amministrazione comunale.

La possibilità di presentare le domande era prevista entro lo scorso 30 dicembre e adesso gli uffici comunali hanno definito il numero delle persone ammesse. Inizialmente, come confermato anche dal sindaco Fioravanti e dall’assessore Brugni, si partirà con il coinvolgimento di 28 persone per i primi 6 mesi che percepiranno un’indennità di 400 euro mensili e che saranno chiamate a svolgere attività utili per la comunità, in particolare nei quartieri.

L’obiettivo dell’Amministrazione comunale è di andare il numero dei beneficiari andando successivamente a coinvolgere il maggior numero possibile di persone in graduatoria. Graduatoria che vedrà un punteggio maggiore per le persone senza lavoro con più di 50 anni di età. L’Amministrazione per questa prima fase del progetto ha stanziato 70.000 euro.

Ti potrebbero interessare

Articoli più letti della settimana

Articoli più condivisi

Ultime dalla provincia