Ascoli, piazza del Popolo: servizio TV del 2016 riproposto sabato, Tamburri (M5S): “La città merita di più”

Una suggestiva veduta di Piazza del Popolo, tra le più belle d'Italia

Il consigliere: “Incomprensibile, a distanza di cinque anni che senso ha? E poi attenzione a come vengono stilate le classifiche anche in campo turistico”

di Adriano Cespi

Un servizio giornalistico piacevole, che glorifica Piazza del Popolo e la pone, citando una classifica attribuita al sito online Turismo.it, tra le 10 piazze più belle del mondo. E’ quello trasmesso, sabato 1° maggio, dal Tg regionale Marche, che tanto è piaciuto agli ascolani, al punto che c’è chi ha provveduto, addirittura, a condividerlo sui gruppi social locali tra like e commenti entusiastici. Ribadiamo, sabato 1° maggio. “Peccato, però, che quel servizio, il Tg regionale lo aveva mandato in onda già il 13 gennaio 2016 – dichiara un basito Massimo Tamburri, capogruppo consiliare del M5S, che nella sua attività professionale si occupa proprio di strategie di marketing e ricerche di mercato -. Sì proprio così, più di 5 anni fa. Da non crederci. Eppure è così. E’ sufficiente, infatti, andare su youtube per vedere i due video e metterli a confronto. E allora mi chiedo: come è possibile che si sia verificato questo cortocircuito informativo?”.

Massimo Tamburri, capogruppo M5S in Consiglio comunale

E aggiunge ancora Tamburri: “Ascoli merita ben altra attenzione che un servizio datato. Magari dalla Rai avrebbero potuto mandare un team giornalistico per fare nuove riprese e nuove interviste”. Il capogruppo pentastellato entra poi nella questione classifiche e sottolinea: “Bisogna vedere come vengono stilate queste graduatorie e, soprattutto, su quali domande si fondano. Dopodiché costruirci sopra un’efficace campagna turistica promozionale”. Quindi la valutazione politica finale. “Sull’importanza di aver un approccio realistico a questo mondo – conclude Tamburri – faccio un esempio perché secondo me nel nostro Comune questo manca. In Consiglio comunale qualche giorno fa il sindaco Fioravanti se n’è uscito dicendo che il Comune di Ascoli è l’unico ad avere un piano turistico, poi si è corretto dicendo che è tra le principali città italiane ad avercelo poi che è la città principale. Vorrei far notare al sindaco che Ascoli è fanalino di coda, tra i capoluoghi marchigiani, per presenze turistiche, siamo perfino dietro Fermo. Per andare, poi, fuori regione, un Comune come Abano Terme, solo per citarne uno, che quanto a presenze turistiche vanta numeri che noi, purtroppo, manco ce le sogniamo, secondo il ragionamento di Fioravanti non avrebbe un piano turistico. Di cosa stiamo parlando”.

Ma a cosa si riferisce Tamburri quando parla dei due video? Cerchiamo, allora, di ricostruire il tutto, dal lancio del servizio da parte dei giornalisti in studio (un uomo nel 2016, una donna sabato scorso: unica reale novità), all’inviata Eleonora Fioretti, sempre la stessa. Così come sono sempre gli stessi i protagonisti: Sara Giorgi, guida turistica, e Gigi Morganti, storico d’arte, entrambi (sabato) vestiti come nel 2016, ovvero in abiti invernali (giacconi pesanti), entrambi che ripetono le stesse cose, ed entrambi che vengono intervistati nello stesso luogo (non un centimetro più in là, né un centimetro più in qua); e poi la coppia che, davanti al microfono della Fioretti, pronuncia le identiche parole indossando gli identici abiti, perfino identici occhiali da sole; per non parlare dei riferimenti colti della Fioretti, quando, nel discettare di “vasche”, il lento e abitudinario su e giù degli ascolani lungo piazza del Popolo, cita il filosofo francese Jean Paul Sartre; quindi, le immagini di Piazza del Popolo: sempre le stesse, addirittura l’artista di strada con chitarra in mano e t-shirt gialla è sempre lo stesso. Insomma, non si scappa, anche un bambino capirebbe, come fatto notare da Tamburri, che è lo stesso identico servizio andato in onda due volte: una nel 2016, l’altra il 1° maggio del 2021.

 

E allora, per curiosità giornalistica e verifica della notizia, siamo andati a spulciare (dopo youtube) anche in Turismo.it. E, per trovare questa classifica, abbiamo dovuto navigare, e non poco, all’interno del sito, fino a quando, tra articoli e foto dedicate a moltissime città e, dunque, anche ad Ascoli Piceno, abbiamo trovato il pezzo dedicato a Piazza del Popolo. Et voilà, ecco emergere che la classifica citata nel servizio del Tg Marche non è di Turismo.it, bensì di Tripadvisor, un sito web di alberghi, ristoranti, e b&b. E a darne notizia, con queste scarne parole: “Tra le venti piazze più belle del mondo è stata incoronata, da Tripadvisor, Piazza del Popolo di Ascoli Piceno”, è Francesco Salvatore Cagnazzo, il giornalista che, il 28 aprile del 2015, non una settimana fa, e nemmeno un mese fa, ma ben sei anni fa, firma il pezzo su Turismo.it.