Ascoli, l’esaltazione porta a scenari idilliaci: Breda e le dieci montagne russe

SERIE B – Doppia cifra di panchine per il tecnico trevigiano, tra corti musi e un solo pareggio

Diciamo che vivere sonni tranquilli non è una prerogativa di mister Roberto Breda, tecnico dell’Ascoli che con i suoi ha ottenuto tre punti decisivi per la salvezza sabato scorso al Del Duca nella vittoria contro il Sudtirol firmata Cedric Gondo.

Quella contro Bisoli è stata la decima gara di Breda da quando è sulla panchina del Picchio, subentrato lo scorso 6 febbraio a Cristian Bucchi. E del tecnico di Treviso tutto si può dire tranne che non faccia divertire. Più che divertire, tenere sulle spine. Perché nell’arco di queste 10 partite l’Ascoli ha pareggiato soltanto una volta (0-0 contro il Benevento). Vittorie contro Perugia, Parma, Modena (il famoso corto muso) e le tre sconfitte consecutive contro Bari, Cagliari e Venezia, prima del pirotecnico 4-3 contro il Brescia, la sconfitta di pasquetta in casa della capolista Frosinone e appunto al vittoria contro il Sudtirol. In dieci partite, otto volte si è segnato meno di 3 gol nella gara, 6 volte con il classico 1-0 oppure 0-1. Nove i gol realizzati, 11 subiti.

A cinque giornate dal termine del campionato il Picchio è a quota 42 punti (12° posto). La Reggina, in virtù dei 3 punti di penalizzazione inflitti causa mancato pagamento di alcuni stipendi di novembre e dicembre 2022, è scivolata all’ultimo posto playoff a quota 46. L’Ascoli al momento si trova a +5 dai playout, soglia circoscritta dai 37 punti del Cosenza. Dopo la trasferta di Como (sabato, ore 14:00), i bianconeri se la vedranno al Del Duca contro il Pisa nella festa dei lavoratori (atteso un pubblico d’eccezione tra tifosi locali e ospiti), successivamente trasferta a Genoa per chiudere la stagione casalinga proprio contro il Cosenza. A quel punto l’Ascoli si spera già salvo, chiudendo poi la regular season in trasferta contro la stessa Reggina. La vittoria contro il Sudtirol ha timidamente fatto pronunciare a diversi tifosi la parola playoff ma la stagione, comunque travagliata seppur non come la storia recente dell’Ascoli ricordi, potrà considerarsi discreta anche con la sola conquista della salvezza.

Matteo Rossi
Author: Matteo Rossi

Potrebbe interessarti anche

                       

Articoli correlati

                       

Dalla home
VUOI RIMANERE SEMPRE AGGIORNATO?

Iscriviti al nostro
canale telegram

Autore

I Più LETTI
DELLA SETTIMANA

I Più condivisi
DELLA SETTIMANA

 

Ultime NEWS