Ascoli, dolce sconfitta: è salvo

Un'esultanza del Benevento

SERIE B – I bianconeri perdono 4 a 2 contro il Benevento ed evitano i play out grazie ai risultati emersi dagli altri campi

L’Ascoli perde clamorosamente al Del Duca contro il Benevento ma è salvo in virtù degli altri risultati maturati nei vari campi di Serie B.

Dionigi sceglie il 3-5-2 con difesa composta con Brosco, Gravillon e Ferigra al posto di Ranieri. Petrucci nel cuore del campo. Conferme sulle fasce di Sernicola e Padoin. Davanti Morosini parte dalla panchina con Ninkovic a supporto di Scamacca. Inzaghi, già in Serie A da parecchie giornate, cambia la squadra e deve fare a meno di diversi titolari. In campo Sau, solo panchina invece per Kragl.

Prima opportunità Ascoli al 10’ con Ninkovic che in posizione regolare corre sulla sinistra e calcia in porta con Gori bravo a deviare. Sulla respinta sotto porta Scamacca non riesce di testa a mandarla dentro. Il primo tiro del Benevento è di Pasquale Schiattarella che al quarto d’ora spara altissimo un destro da fuori area. Le streghe però passano in vantaggio: corsa sulla destra del Benevento con cross sul secondo palo, inizialmente spizzato da Improta, dove Sau controlla ed insacca il suo tredicesimo centro in campionato. Ancora streghe alla mezzora con Maggio che sfrutta un corner per calciare dopo una baraonda in area. Fortunatamente per i bianconeri la sfera termina fuori. Benevento che punisce un minuto più tardi con lo schema su calcio piazzato, tocco di Schiattarella per Improta che mette in mezzo un cross alle spalle di Gravillon trovando Barba bravo di testa ad insaccare. Ascoli contratto che non riesce a reagire, così tanto che allo scadere prende anche il terzo gol. Sau imbuca per Roberto Insigne che a tu per tu con Leali lo batte rasoterra. Il primo tempo finisce in tragedia per i bianconeri.

Nella ripresa è una girandola di cambi per l’Ascoli e subito arriva il gol che accorcia le distanze. Errore di Maggio a centro area e Morosini, dopo un batti e ribatti, segna con il destro. Al Del Duca c’è una partita. L’Ascoli spinge ed almeno di inzeria torna in gara: Ninkovic si prende in mano la squadra con un tiro da fuori che termina al lato. Al 66’ il cross, sempre dalla sinistra, è di Sernicola che trova la girata di Trotta ma la palla è fuori con Morosini che non ci arriva in tuffo. Brividi per l’Ascoli al minuto ottantadue. Azione dell’indemoniato Sau che offre a Schiattarella in area. L’ex Ancona e Spal calcia di interno sinistro trovando la mostruosa risposta di Leali sulla destra. Il Benevento però la chiude a quattro minuti dalla fine. Moncini di scavetto, dopo un contropiede letale, beffa Leali con un tocco sotto. Al primo minuto di recupero arriva anche il gol di Trotta di testa ma poco importa. Lo sguardo è sugli altri risultati che sanciscono la salvezza per i bianconeri.

 

Il tabellino

ASCOLI – BENEVENTO 2 – 4

ASCOLI (3-5-2): Leali; Ferigra, Brosco, Gravillon; Padoin (1′ st Andreoni), Cavion (16′ st Eramo), Petrucci (1′ st Morosini), Brlek, Sernicola; Ninkovic, Scamacca (1′ st Trotta). All. Dionigi.

BENEVENTO (4-4-2): Gori; Maggio, Gyamfi, Barba, Rillo; Insigne, Hetemaj, Schiattarella, Improta (16′ st Tello); Di Serio (16′ st Moncini), Sau. All. Inzaghi.

ARBITRO: Pezzuto di Lecce.

RETI: 25′ pt Sau (B), 32′ pt Barba (B), 45′ pt Insigne (B), 3′ st Morosini (A).

 

Ti potrebbero interessare

Articoli più letti della settimana

Articoli più condivisi

Ultime dalla provincia