Ascoli, Dionigi soddisfatto: “La strada è quella giusta, siamo solo all’inizio”

Davide Dionigi, allenatore Ascoli

POST GARA – Il tecnico bianconero commenta il pari col Crotone: “Avevamo tante assenze importanti. Ninkovic è un faro per noi, spero non sia nulla di grave”

Un Davide Dionigi senza voce e provato quello che si è presentato in conferenza stampa dopo il pareggio ottenuto dal suo Ascoli contro il Crotone. Si tratta del primo punto per i bianconeri dopo la ripartenza del campionato: “Non mi piace parlare di svolte – dice il tecnico bianconero – il punto di partenza credo sia stato messo a Venezia dove la squadra ha meritato la vittoria e non è arrivata. Ho chiesto oggi ai ragazzi di farmi vedere se con sei allenamenti sulle spalle avevamo imboccato la strada giusta, ed è stato così. Mi sono presentato con umiltà e servizio, ho detto loro che non gli avrei risparmiato nulla chiedendo la voglia di dimostrare che non fossero quelli dipinti finora. Siamo all’inizio, non abbiamo fatto nulla. Diogo Pinto? Gli ho detto, come agli altri, che se si mette a disposizione vedrà i risultati. Ha fatto bene, è vero, ma vale per tutti. Ci siamo trovati in una grossa emergenza senza Brosco, Gravillon e Cavion. Non nego di aver rischiato, c’erano tante cose che potevano andare storto. Il Crotone forse era una squadra non alla nostra portata. Ninkovic? Per noi è un faro, speriamo non sia nulla di serio il suo problema. Brosco ha avuto un risentimento. Ora ho qualche giorno in più per lavorare in vista della prossima battaglia. Brlek e Padoin hanno fatto un grande lavoro nella marcatura ad uomo. I ragazzi, quando ci siamo messi a tre a centrocampo, hanno capito che avevamo la forza per andare a riprendere la partita. Petrucci? Messo per avere più palleggio in quel momento specifico della gara”.

 

(foto concessa Lega B)

Ti potrebbero interessare

Articoli più letti della settimana

Articoli più condivisi