Ascoli, Bellusci non ce la fa: aumentano i problemi in difesa per Castori

SERIE B – Il Picchio atteso alla sfida di Venezia

Vigilia di campionato per l’Ascoli Calcio, alla sua seconda trasferta consecutiva. Dopo il primo punto a Reggio Emilia, mister Fabrizio Castori cerca la via della sua prima vittoria di ritorno nel club bianconero e vuole fare lo sgambetto ad un lanciatissimo Venezia. Il tutto domani, sabato 2 dicembre, alle ore 14:00 al Penzo.

Vanoli non avrà gli infortunati Sverko, Idzes e Svoboda, oltre che il bomber Pohjanpalo che starebbe recuperando dall’infortunio ma per precauzione verrà lasciato fuori dal match. I lagunari vengono da ben quattro vittorie consecutive, sei nelle ultime sette uscite. Una forma strepitosa che continuerà con il rodato 4-3-3. Bertinato in porta, fasce affidate a Candela e probabilmente Dembele, con Altare e Zampano centrali. Ellertsson, Tessmann e Busio a centrocampo con l’ex Pierini e Johnsen ai lati di Gytkjaer.

Bellusci, Bogdan, Tavcar, Caligara, Falzerano, Kraja e Nestorovski. Questa la folta lista di assenze per Castori che deve inventarsi una soluzione in diesa ma non dovrebbe scostarsi molto dall’undici visto in campo al Mapei Stadium. Viviano sarà baluardo difensivo dietro a Botteghin e Quaranta. Il terzo di difesa uscirà tra l’adattato Adjapong, il Primavera Rossi o l’arretramento di Falasco con Giovane come quinto. A completare le fasce Bayeye e centrocampo affidato al duo Di Tacchio-Gnahoré se l’ex Ternana resterà in mezzo, con Masini libero di farsi scampagnate sulla trequarti. Anche se Milanese è stato provato con costanza in settimana e si giocherà una maglia da titolare. Davanti Mendes-Rodriguez.

PROBABILI FORMAZIONI

VENEZIA (4-3-3): Bertinato; Candela, Altare, Zampano, Dembele; Ellertsson, Tessmann, Busio; Pierini, Gytkjaer, Johnsen. Allenatore: Paolo Vanoli.

ASCOLI (3-4-1-2): Viviano; Adjapong, Botteghin, Quaranta; Bayeye, Di Tacchio, Gnahoré, Falasco, Masini, Rodriguez, Mendes. Allenatore: Fabrizio Castori.

ARBITRO: Giovanni Ayroldi di Molfetta

Matteo Rossi
Author: Matteo Rossi

Potrebbe interessarti anche

                       

Articoli correlati

                       

Dalla home
VUOI RIMANERE SEMPRE AGGIORNATO?

Iscriviti al nostro
canale telegram

Autore

I Più LETTI
DELLA SETTIMANA

I Più condivisi
DELLA SETTIMANA

 

Ultime NEWS