Ascoli, arrivano i premi per segretario e dirigenti: il Comune sborsa 210.618 euro

Palazzo Arengo

Previsti per legge, il Comune, ogni anno, li riconosce ai suoi vertici dirigenziali

E’ tempo di premi di risultato. E per segretario e dirigenti arrivano le entrate aggiuntive. Quelle che, previste per legge, il Comune, ogni anno, riconosce ai suoi vertici dirigenziali: il segretario generale Vincenzo Pecoraro (114.896 euro di stipendio lordo nel 2020), e i sei dirigenti: Alessandra Cantalamessa (stipendio lordo di 89.018,27 euro, ora in pensione), Cristoforo Everard Weldon (stipendio lordo di 83.344,25 euro), Ugo Galanti (stipendio lordo di 84.928,82 euro), Paolo Ciccarelli (stipendio lordo di 81.928,82 euro), Cristina Mattioli (stipendio lordo di 81.928,82 euro), Loris Scognamiglio (stipendio lordo di 81.928,82 euro).

Un esborso complessivo, nel 2020, per Palazzo Arengo, di 617.969 euro. Per i soli stipendi. Ai quali, ecco aggiungersi, adesso, altri 170.446 euro di indennità di risultato 2020: 158.957 euro per i dirigenti (plafond che va, però, suddiviso “secondo la percentuale di valutazione conseguita da ciascun dirigente”, come spiega la stessa “determinazione” comunale) e 11.489 euro per il segretario.

Ma non finisce qui. Perché a carico del Comune, e, dunque, della collettività, ci sono altre voci di spesa, collegate sempre a queste retribuzioni di risultato. E parliamo di ulteriori 38.149,74 euro di oneri e di 13.511,37 di Irap (l’Imposta regionale sulle attività produttive), per una spesa complessiva di 210.618 euro.

Insomma, tra stipendi e premi, il segretario generale e i sei dirigenti (ora cinque, visto il pensionamento della Cantalamessa), nell’anno 2020, sono costati, al Comune, qualcosa come 788.415 euro, ai quali vanno aggiunti gli esborsi per oneri e Irap, per un totale di 840.075 euro.

Si legge nell’atto comunale relativo ai dirigenti: “Il dirigente del Servizio personale determina di liquidare (…), per la retribuzione di risultato anno 2020 al personale dipendente con qualifica dirigenziale, 158.957,27 euro per competenze stipendiali–retribuzione risultato, 38.149,74 euro per oneri a carico dell’Ente, 13.511,37 per Irap”.

Contenuto simile a quello per il segretario generale: “Il dirigente del Servizio personale – si legge nel provvedimento – determina di liquidare (…), al segretario generale, 11.489,51 euro quale retribuzione di risultato dovuta per l’anno 2020, nella misura del 10% del monte salari riferito agli stessi nei periodi considerati”.

Dalla Home


Vuoi rimanere sempre aggiornato?

Articoli più letti della settimana