Ascoli al 31° posto su 37 progetti di light design, Comune escluso dai contributi regionali

Ascoli, piazza del Popolo

Castignano e Appignano precedono il capoluogo piceno. Al primo posto Urbino seguita da Recanati che hanno ottenuto 50.000 euro ciascuna

Leggi la classifica dei progetti giunti in Regione per ottenere i “Contributi per le installazioni artistiche di light design per la valorizzazione dei borghi e centri storici” e immagini di trovare Ascoli tra le prime posizioni. Magari non al primo posto, e nemmeno al secondo o al terzo. Ma, almeno, nella top ten sì, tra le prime dieci migliori sicuramente.

E, invece, fai scorrere la graduatoria e sei costretto a posizione lo sguardo in basso, agli ultimi posti. Precisamente al 31esimo posto su 37 progetti arrivati a Palazzo Raffaello. Insomma, con appena 51 punti (il Comune di Urbino si è classificato primo con 95 punti), Palazzo Arengo, col progetto “Luci sulla città”, si è classificato settultimo. Mentre Comuni piceni come Castignano e Appignano del Tronto si sono piazzati rispettivamente al quarto (83 punti) e tredicesimo posto (73 punti).

Niente contributi regionali, dunque, per Ascoli come prevedeva il programma della Regione. Perché i progetti finanziabili erano solo quattro, i primi quattro classificati: ovvero quelli presentati dalle Amministrazioni comunali di Urbino “Percorso di luce”, 50mila euro; Recanati “Light for future”, 50mila euro; Castelfidardo “I colori dell’acqua”, 14mila euro; e Castignano “Installazione artistica di light design per la valorizzazione del muraglione sito nel centro storico”, 36mila euro.

Va detto che quello delle luci cittadine è un argomento spesso dimenticato dall’amministrazione comunale. Ne è un esempio eloquente il lavoro di verifica di tutti i punti luce, non funzionanti, nel centro storico, svolto, negli ultimi due mesi, dalla presidente della commissione Cultura, Patrizia Petracci, dietro sollecitazione di alcuni cittadini spazientiti, in base al quale il sindaco Fioravanti è dovuto intervenire provvedendo alla loro riaccensione (come i fari sui merli di piazza del Popolo).

In quest’ottica i fondi regionali avrebbero rappresentato un’opportunità in più per regalare alla città una nuova illuminazione pubblica, più suggestiva, artistica, e in tema con la candidatura di Ascoli Capitale per la cultura 2024.

Dalla Home


Vuoi rimanere sempre aggiornato?

Articoli più letti della settimana