Ascoli a caccia del bomber: Trotta può tornare, si valutano altri profili

Marcello Trotta

SERIE B – Incerto il futuro di Ninkovic

L’Ascoli sta cercando di trovare profili giusti per l’attacco. Il calciomercato, start ufficiale tra tre giorni, è iniziato ufficiosamente per tante squadre tra cui proprio i bianconeri. Le riunioni tra il direttore sportivo Bifulco e il nuovo allenatore Bertotto per trovare profili ideali stanno continuando. Come rivelato dal ds, prima di tutto il tecnico dovrà valutare la rosa a disposizione per poi andare sul mercato.

Il lavoro importante si sta facendo nel reparto offensivo, rivoluzionato dallo scorso campionato. Innanzitutto Nikola Ninkovic, attualmente ancora in Serbia con un permesso, tornerà ad Ascoli. Oggi come non mai il futuro del fantasista sembra lontano dalle Cento Torri. Rispetto alla scorsa stagione non ci sarà più Leonardo Morosini (che il Brescia si tiene stretto dopo il rientro dal prestito) e Gianluca Scamacca, anche lui rientrato dopo il prestito in bianconero, che andrà in Portogallo al Braga per una cifra che sfiora i 25 milioni di euro.

Un volto che ha contribuito alla salvezza e che si potrebbe rivedere al Del Duca può essere invece quello di Marcello Trotta. L’attaccante da gennaio dello scorso anno ha giocato 17 partite con i bianconeri mettendo a segno 6 gol e 2 assist. Un bottino che ha convinto la società a ripuntare su di lui. La somma per il diritto di riscatto di Trotta è stata ritenuta troppo alta, ma nulla vieta all’Ascoli di trattare un ammorbidire di tale cifra oppure non riscattare il giocatore e parlare di una nuova via per riaverlo anche nella prossima stagione.

Bifulco è al lavoro in questo senso ormai da giorni e al nuovo tecnico Bertotto l’idea di puntare su Trotta come terminale offensivo della sua squadra non dispiace.
Nel frattempo, la dirigenza si sta guardando intorno per altri profili che possano comporre il pacchetto offensivo. Abbiamo parlato alcuni giorni fa dell’interessamento bianconero per Vittorio Parigini. Il procuratore del giocatore ha preso le distanze da questa situazione, eppure l’Ascoli rimane interessata al giocatore e ha chiesto al Genoa, proprietaria del cartellino, com’è la situazione intorno all’esterno offensivo. Il grifo tre giorni fa ha annunciato il nuovo allenatore Rolando Maran ed ha iniziato i lavori di preparazione. In questa prima settimana il nuovo tecnico dovrà valutare alcuni profili da tenere in rosa e tra questi c’è anche quello di Parigini. Giustamente il calciatore vuole giocarsi la possibilità di rimanere in Serie A e si sta impegnando per convincere il tecnico. Qualora il Genoa decidesse di privarsi di Parigini da qui al 5 ottobre, data della fine del calciomercato, l’Ascoli sarà sicuramente pronto a sfruttare la situazione.

Inoltre, nella giornata di ieri si è manifestata l’indiscrezione per un interesse verso Salvatore Elia, classe 1999, attaccante della Juve Stabia che può ricoprire tutti i ruoli offensivi in un 4-3-3. Contestualmente, risulta soprattutto che dalla Juve Stabia l’Ascoli abbia provato ad inserirsi per Francesco Forte, punta centrale del 1993. Forte, corteggiato da moltissime squadre, ha un contratto con le Vespe fino al 30 giugno 2021 e non si muoverà se non per un accordo pluriennale. La società più vicina al giocatore è la Juve Stabia che ha incassato il sì di Forte sulla base di un triennale. Ora la Salernitana deve parlare con il club gialloblu che è intenzionato a monetizzare.

L’Ascoli forse non arriverà a prendere Forte, ma questi interessamenti fanno capire che davanti si cercano profili di categoria per creare un reparto di tutto rispetto. Certo, il mix tra giovani e giocatori di esperienza è sempre alla base del nuovo Ascoli, ed ecco perché la dirigenza si è presentata alla porta dell’Atalanta per capire cosa succederà intorno a Roberto Piccoli, giovane bomber del vivaio della Dea. La squadra di Gasperini non ha deciso ancora se mandare il classe 2001 a giocare in prestito oppure farlo rimanere in rosa. Il suo agente, Giuseppe Riso, sceglierà insieme a Piccoli la strada più giusta per la sua carriera. L’Ascoli aveva chiesto se ci fosse la possiblità di averlo ovviamente in prestito, ma nelle ultime ore si è fatta avanti la Sampdoria che, da club di Serie A, sicuramente avrà la priorità. Infine, l’Ascoli è attento al mercato internazionale. Come ha riferito il direttore generale, Ducci durante la sua conferenza di presentazione, i “canali” saranno non così canonici. Ed ecco che si registrano interessamenti e sondaggi bianconeri tra Portogallo, Spagna ed Est Europa. Un viaggio lungo tutta Europa per questo calciomercato ascolano.

Ti potrebbero interessare

Articoli più letti della settimana

Articoli più condivisi

Ultime dalla provincia