Area di crisi del Piceno, proroga di un anno della mobilità per i lavori licenziati

L’operazione costerà 6,5 milioni di euro

Un segnale importante arriva per l’Area di crisi del Piceno dalla Regione Marche: i lavoratori licenziati da una attività produttiva con sede all’interno del territorio della provincia di Ascoli potranno usufruire della proroga dell’indennità di mobilità per un anno. L’accordo è stato siglato tra l’assessore regionale al Lavoro, Loretta Bravi, e le parti sociali. La decisione comporterà lo stanziamento di 6,5 milioni di fondi nazionali per circa 300 addetti.

 

In concreto, la proroga consentirà a tutti quei lavoratori che, alla data dello scorso primo gennaio risultavano beneficiari di mobilità ordinaria o mobilità in deroga, scaduta o in scadenza entro il 2019, di poter continuare a percepire l’indennità per un ulteriore anno.

Dal punto di vista procedurale, l’erogazione dell’indennità sarà subordinata alla partecipazione del lavoratore al programma di Politiche attive della Regione che sarà organizzato attraverso i Centri per l’Impiego di Ascoli e San Benedetto. Si tratterà di laboratori tematici e la condivisione delle opportunità offerte dai bandi regionali tra cui tirocini, borse lavoro, avvio d’impresa e altre iniziative.

redazione
Author: redazione

Potrebbe interessarti anche

                       

Articoli correlati

                       

Dalla home
VUOI RIMANERE SEMPRE AGGIORNATO?

Iscriviti al nostro
canale telegram

Autore

I Più LETTI
DELLA SETTIMANA

I Più condivisi
DELLA SETTIMANA

 

Ultime NEWS