Anconitana, serve un extra budget per completare la squadra

Il Patron dell'Anconitana Stefano Marconi

ECCELLENZA – Troppi profili sfumati, per consegnare a Lelli una squadra degna servono almeno tre pezzi da novanta

Sono due i motivi che ostacolano il mercato dell’Anconitana. Il primo, quello più importante, è che le proposte economiche dell’entourage dorico verso i calciatori sono “normali” rispetto alla categoria e quindi capita di vedere anche che Boldrini accetti l’Ellera piuttosto che l’Anconitana o che Nodari sia in ballo tra Anconitana, Sangiustese e Valdichienti. O che strada facendo rifiutano i colori dorici Natalini, Sbaffo e Titone.

Il budget per il mercato messo a disposizione dal team dorico non sembra superiore a tante altre realtà e per questo motivo i calciatori nicchiano prima di accettare la proposta dell’Anconitana. Nel corso di questa estate tanti i profili di calciatori accostati o contattati dai dorici ma il problema è stato quasi sempre lo stesso: la distanza tra domanda e offerta. Il secondo è che i calciatori tra loro parlano e Ancona negli ultimi anni è diventata una piazza spigolosa per una società che non si fa amare, per dirla in maniera soft (basti vedere le esternazioni di chi saluta i colori dorici).

La tifoseria dell’Anconitana

Una tifoseria come quella dorica non merita di misurarsi in Eccellenza e con tutto il rispetto di doversi confrontare con realtà cinque, dieci o addirittura venti volte più piccole (Servigliano addirittura un trentesimo del capoluogo di regione). In un campionato come questo l’Anconitana avrebbe dovuto far man bassa di calciatori e avere la squadra pronta da fine luglio, massimo inizio agosto. In tutto questo sarebbe curioso entrare nella testa del mister dei dorici, Lelli. Con una squadra che si va costruendo in corso d’opera, e a 10 giorni dall’inizio della stagione, il tecnico dorico non può ovviamente avere in mente idee tecnico-tattiche da sottoporre al gruppo. Senza considerare che per creare un gruppo partendo da zero ci vuole del tempo e qui il tempo stringe.

Marco Lelli, mister Anconitana

In soldoni: ci vuole un extra budget per definire le ultime operazioni di mercato che possono dare il via alla stagione dell’Anconitana. Ad oggi non è una bestemmia dire che questa squadra potrebbe lottare al massimo per i play off. Per vincere il campionato servono almeno altri tre pezzi da novanta. Ma il patron Marconi lo sa e sicuramente riuscirà a concretizzare le operazioni che una piazza di tale blasone merita per un’annata da vivere da assoluti protagonisti.

Ti potrebbero interessare

Articoli più letti della settimana

Articoli più condivisi

Ultime dalla provincia