Anconitana, Giardini analizza il mercato: “Sono soddisfatto, mi auguro che Lori e Mastronunzio restino”

CALCIO – Lo storico presidente della tifoseria Cuba: “Servono iniziative, la società deve riavvicinare la gente allo stadio”. In programmazione lo storico opuscolo dei calendari giunto alla 36esima edizione

di Claudio Comirato

Costantino, Borghetti, Micucci, Giambuzzi, Bruna e Mansour. Sono questi i primi acquisti fatti dall’Anconitana in attesa dell’inizio della preparazione estiva che il tecnico Davide Ciampelli ha fissato per lunedì 22 Luglio. A fare il punto della situazione Eros Giardini presidente dei Cuba: “In queste categorie valutare la qualità dei giocatori che il prossimo anno indosseranno la casacca dell’Anconitana non è una  cosa semplice. La maggior parte di noi non credo conosca questi elementi. A noi tifosi non resta che andare a curiosare nel curriculum di ogni singolo giocatore per vedere dove hanno giocato e in quali categorie. Per il momento mi ritengo soddisfatto di quello che ha fatto la società circa la campagna acquisti. Se un giocatore come Borghetti ha collezionato oltre 150 partite in Lega Pro, a cui si devono aggiungere una quarantina di presenze in serie B senza dimenticare che lo scorso anno ha vinto il campionato di Eccellenza con il Tolentino, significa che questo ragazzo ha qualità da vendere. Poi ovviamente sarà il campo a darci tutte le risposte del caso”. In due anni l’Anconitana è passata dalla Prima categoria all’Eccellenza. Come giudica il rapporto con i tifosi in vista dell’inizio della preparazione estiva? “Essere ripartiti dalla Prima è stata una mazzata per i colori biancorossi. Noi dei Cuba non abbiamo mollato di un centimetro stessa cosa hanno fatto i ragazzi della Curva Nord, ma buona parte della tifoseria si è persa per strada. Riconquistare questa gente non sarà una cosa semplice, ma è anche vero che mi capita di incontrare ogni giorno persone che un tempo venivano allo stadio e ora non vengono più ma sono informate su tutto quello che ruota attorno al pianeta Ancona”. Come giudica il rapporto tra la società e i tifosi? “La  dirigenza biancorossa ha portato avanti tante iniziative per radicare l’Anconitana nel territorio. Ripartire dal nulla non è stato semplice. Mi auguro che nella prossima campagna abbonamenti ci siano delle operazioni simpatia riservate alle famiglie per riempire almeno in parte lo stadio. In poche parole servono prezzi scontati, magari collegati ad alcune promozioni nel territorio. Tutte cose che potrebbero riaccendere la passione tra i tifosi. Sotto la cenere la fiammella dei colori biancorossi arde ancora, bisogna solo trovare il modo di alimentare questo fuoco”. A proposito di iniziative, in questi giorni voi dei Cuba siete al lavoro per il nuovo opuscolo con tanto di calendario delle partite della serie A e dell’Anconitana nel campionato di Eccellenza: “Per noi questa iniziativa è motivo di orgoglio, siamo arrivati alle 36esima edizione. L’opuscolo è un pezzo da collezione. Basti pensare che ci sono delle persone che hanno tutte le edizioni. Per il momento stiamo contattando i nostri sponsor che come ogni anno ci danno la possibilità di andare in stampa. Alcune aziende sono anni che hanno legato il loro marchio ai Cuba. Anche questa è passione e senso di attaccamento ai colori biancorossi. Una volta stampato, l’opuscolo verrà distribuito allo Stadio e nelle attività commerciali a titolo del tutto gratuito”. Ci permetta l’ultima riflessione. Come giudica la questione Mastronunzio e Lori, due bandiere dell’Ancona che secondo voci di mercato non rientrerebbero nei piani della società anche se per il momento non c’è nulla di ufficiale? “La questione è quanto mai spinosa. Con questi due giocatori il sottoscritto ha un legame di amicizia che va ben oltre il campo da calcio. La decisione spetta alla società o meglio, a chi in qualche maniera detiene lo scettro del comando e questa di certo non è una novità nel mondo del calcio. L’unica cosa che mi sento di dire è che a volte, al di là di qualsiasi categoria, le bandiere vengono ammainate in fretta e furia senza pensare magari ad un ruolo nei quadri dirigenziali. A livello personale mi auguro che Lori e Mastronunzio restino ad Ancona anche il prossimo anno”.

Potrebbe interessarti anche

                       

Articoli correlati

                       

Dalla home
VUOI RIMANERE SEMPRE AGGIORNATO?

Iscriviti al nostro
canale telegram

Tag
Autore

I Più LETTI
DELLA SETTIMANA

I Più condivisi
DELLA SETTIMANA

 

Ultime NEWS