Ancona e Ascoli unite dal dolore: Roberto muore ma prima corona il suo sogno

LUTTO – Ha avuto modo e tempo, nonostante la malattia, di vedere il suo piccolo Davide approdare in un club professionistico

Il sogno per suo figlio più forte della malattia: Roberto Paglialunga si spegne dopo il passaggio del suo figlio Davide dalla Giovane Ancona ai professionisti dell’Ascoli.

Roberto è venuto a mancare a causa di una malattia contro la quale combatteva con coraggio da tempo. Amava il figlio come ogni padre che si rispetti. In questi anni lo ha seguito passo passo, con amore e dedizione, fino all’ultimo, nonostante le sue condizioni di salute. È riuscito giusto in tempo a vedere coronato il sogno del suo ragazzo: passare a una squadra professionistica come l’Ascoli. Poi il suo cuore si è fermato, ma siamo certi che fosse ricolmo d’orgoglio e di emozione proprio grazie al suo Davide.

Messaggi di cordoglio arrivano dalle due società che si stringono al dolore del piccolo Davide. La prima è la Giovane Ancona con la quale è cresciuto calcisticamente: “Un lutto inconsolabile quello che ha colpito il nostro Davide, cresciuto e amatissimo in biancorosso, proprio recentemente passato per la sua bravura e le sue qualità all’Under 15 dell’Ascoli Calcio. La Scuola Calcio Giovane Ancona, a partire dal patron Sergio Schiavoni, dal presidente Franzoni, dalla vice Lorella Belvederesi, e dallo staff tecnico guidato da mister Santini, si stringe attorno a Davide e alla sua famiglia. Un lutto che supera ogni campanilismo e ogni colore, unendo due piazze storicamente rivali”.

Non poteva mancare la vicinanza del club bianconero con il quale Davide milita. “L’Ascoli Calcio si stringe attorno a Davide e alla famiglia Paglialunga esprimendo profondo cordoglio e sincere condoglianze”.

Leggi anche….

Ti potrebbero interessare

Articoli più letti della settimana

Ultime dalla provincia