Anastasiia uccisa dal marito con 29 coltellate: terza udienza al tribunale di Pesaro

Il medico legale conferma: “C’era intento omicidiario”

C’era intento omicidiario in Moustafà Alashri, reo confesso del femminicidio di Anastasiia, sua moglie uccisa con 29 coltellate a novembre del 2022 nella loro casa di Fano. Lo ha affermato senza dubbio alcuno il medico legale Marco Palpacelli in corte d’assise questa mattina al tribunale di Pesaro dopo domanda diretta del giudice Lorena Mussoni presidente della sezione penale.

“Lo sa anche l’uomo della strada – ha affermato il medico – se colpisci qualcuno ripetutamente nella zona cervicale, anche se non recidi un’arteria, puoi causargli danni mortali, è un punto vitale del corpo” e sono stati proprio i colpi portati in questa zona oltre alla serie ripetuta portati al fianco a causare i danni maggiori. Indubbia anche la causa del decesso: dissanguamento e lesioni interne ad organi come fegato e reni, causate dalle ferite profonde alcune anche oltre 12 cm, come quelle riportate nella zona lombare.

Tre gruppi di lesioni, collo fianco, schiena, portate tutte in un tempo limitato che non hanno dato scampo alla povera Anastasiìa, che in pochi minuti è venuta meno, poi è stata chiusa in un trolley e buttata dal marito in una scarpata nelle campagne tra Fano e Pesaro. Sono stati sentiti in aula questa mattina anche il Luogo tenente dei Carabinieri di Pesaro Silvestri Gianluca che ha sviluppato l’indagine susseguente il fatto che ha ripercorso la scena del crimine e le risultanze delle investigazioni che hanno evidenziato come a giugno del 2022 le cose tra i due fossero arrivate definitivamente al capolinea, per un rapporto che era evidentemente problematico fatto anche, stando a quanto affermato dalla parte civile, da vessazioni e maltrattamenti che si perpetravano ai danni della giovane Ucraina già dagli albori del loro matrimonio in Ucraina.

Lino Balestra
Author: Lino Balestra

Potrebbe interessarti anche

                       

Articoli correlati

                       

Dalla home
VUOI RIMANERE SEMPRE AGGIORNATO?

Iscriviti al nostro
canale telegram

Autore

I Più LETTI
DELLA SETTIMANA

I Più condivisi
DELLA SETTIMANA

 

Ultime NEWS