Ad Clicks :Ad Views : Ad Clicks :Ad Views : Ad Clicks :Ad Views : Ad Clicks :Ad Views :

Amadio esalta la sua Lorese: “Salvezza speciale, la squadra ha dato tutto e nessuno ci ha regalato niente”

/
img
Peppino Amadio, allenatore della San Marco Lorese

ECCELLENZA – L’allenatore del San Marco Servigliano tra entusiasmo e polemiche dopo il play out vinto col Camerano: “Obiettivo raggiunto sul campo con le nostre forze, nelle ultime giornate di campionato ho visto cose assurde”

“E’ stato un campionato molto faticoso. La salvezza era il nostro obiettivo, in un modo o nell’altro l’abbiamo raggiunta”. Sono queste le parole di mister Peppino Amadio dopo aver vinto con la sua San Marco Lorese il play out casalingo 2-1 in rimonta grazie alla doppietta di Galli contro il Camerano. Una vittoria che è valsa alla neo promossa formazione fermana la permanenza nel campionato d’Eccellenza. “Sono molto orgoglioso della prestazione messa in campo dai miei ragazzi – afferma il tecnico biancazzurro – Abbiamo meritato ampiamente questo risultato, conseguito esclusivamente con le nostre forze e nessuno ci ha regalato niente. Purtroppo nelle ultime giornate di campionato ho visto cose assurde, quindi questa salvezza guadagnata sul campo assume un valore ancor più speciale“. Da tali parole si comprende a pieno il disappunto di mister Amadio su alcuni risultati (assurdi a detta sua) fuoriusciti nelle ultime giornate di campionato riguardanti proprio le dirette concorrenti per la salvezza diretta. La squadra però non si è scoraggiata e con grande forza d’animo ha raggiunto l’obiettivo attraverso una sfida play out molto particolare. La gara infatti, non era iniziata al meglio per la San Marco Lorese, costretta sin da subito a inseguire i gialloblu a segno con Alessandroni nella prima frazione i gara. Negli spogliatoi poi, la scintilla che ha stravolto completamente la gara. “Nel primo tempo siamo scesi in campo molto contratti. Ci giocavamo la salvezza dinanzi al nostro pubblico ed era normale sentire un po’ di pressione addosso. Dopo aver incassato il gol dell’uno a zero, non avevamo più niente da perdere ma solo buttarci in avanti e segnare. Così al rientro in campo la squadra si è sciolta e ha messo l’anima per portare a casa la partita più importante dell’anno. Proprio per tale motivo un ringraziamento doveroso lo vorrei fare a tutta la squadra e alla società che fino all’ultimo ci hanno creduto e ora eccoci qui a festeggiare la permanenza in Eccellenza”.

m.r. 

 

  • Facebook
  • Twitter
  • Google+
  • Linkedin
  • Pinterest
This div height required for enabling the sticky sidebar