Alla scoperta di Massimo Lombardi, tecnico chiamato a ridare lustro al vivaio dell’Anconitana

CALCIO – A distanza di quattordici anni è tornato in un settore giovanile come responsabile, vanta come allenatore risultati importanti in Promozione ed Eccellenza

E’ partito dal settore giovanile per poi allenare tra Promozione ed Eccellenza per tornare, a distanza di anni tra i ragazzi. Questa volta però, come responsabile del settore giovanile dell’Anconitana. E’ questa la parabola di Massimo Lombardi, tecnico 54enne su cui la società biancorossa ha puntato per mettere in piedi il proprio vivaio che attualmente, fatta eccezione per la Juniores, non conta nemmeno un iscritto. In poche parole una montagna da scalare anche se entusiasmo e voglia di fare di certo non mancano. Personaggio molto conosciuto ad Ancona, Massimo Lombardi ha mosso i primi passi da allenatore nel settore giovanile della Castelfrettese dove peraltro ha avuto modo di allenare anche Matteo Bartoloni, attuale direttore generale dell’Anconitana. Nell’estate del 2005 Sauro Bonetti, direttore sportivo del Piano San Lazzaro, in accordo con il presidente Andrea Marinelli decide di puntare proprio su Massimo Lombardi affidandogli la squadra appena promossa in Promozione. Una scommessa vinta per il semplice fatto che Lombardi al primo colpo proietta il Piano San Lazzaro in Eccellenza e l’anno dopo perde la Serie D contro il Fossombrone griffato Bikkembergs a 10 minuti dalla fine per un gol messo a segno da Stefanelli. Nello stesso anno il Piano raggiunge anche la finale di Coppa Italia contro il Montegiorgio. Chiusa l’esperienza con il Piano, Lombardi ha poi allenato il Montegranaro, il Castelfidardo e la Dorica Torrette. Esperienza quella con la società biancazzurra a dir poco incredibile con Lombardi che era stato chiamato quando ormai la retrocessione in Seconda categoria sembrava inevitabile. Grazie ad un girone di ritorno tutto da incorniciare, le Torrette si salvano e sempre con Lombardi in panchina l’anno successivo vincono il campionato di Prima categoria arrivando in promozione dove addirittura sfioreranno l’Eccellenza con la finale persa contro il Monticelli. Negli ultimi anni Lombardi ha poi allenato Osimana e Biagio Nazzaro Chiaravalle. A distanza di 14 anni il ritorno nel settore giovanile, questa volta sponda Anconitana, dove le difficoltà di certo non mancheranno come lo stesso Lombardi ha sottolineato in occasione della conferenza stampa di presentazione del progetto avvenuta venerdi pomeriggio allo stadio Del Conero: “Ci attende un lavoro piuttosto impegnativo. Al momento non abbiamo iscritti ma sono sicuro che riusciremo a partire nel migliore dei modi. I nostri principi in campo e fuori saranno lealtà, correttezza e rispetto degli avversari. Mi auguro di poter collaborare con tutte le società della zona in modo costruttivo evitando qualsiasi tipo di attrito”. 

Claudio Comirato
Author: Claudio Comirato

Potrebbe interessarti anche

                       

Articoli correlati

                       

Dalla home
VUOI RIMANERE SEMPRE AGGIORNATO?

Iscriviti al nostro
canale telegram

Tag
Autore

I Più LETTI
DELLA SETTIMANA

I Più condivisi
DELLA SETTIMANA

 

Ultime NEWS