Alberi troppo alti in città, la rabbia dei residenti

L’altezza dei platani supera i palazzi e le loro condizioni rappresentano un pericolo per i passanti

Platani la cui altezza supera i palazzi, pieni di pidocchi con tanto di quelle foglie nei rami che oscurano il sottostante tratto di strada. Non siamo in periferia, né tanto meno in una strada di campagna, bensì in via Leonardo da Vinci a Collemarino strada particolarmente trafficata che da via Flaminia permette ai residenti di Collemarino e non solo di raggiungere le tante vie che ci sono nella parte alta del quartiere.

Una strada che purtroppo è finita nel dimenticatoio, al punto tale che i platani presenti ai lati della carreggiata sono diventati così alti che in molti casi hanno superato l’altezza dei palazzi. A denunciare quello che accade sono un gruppo di residenti della zona, stanchi di richiedere l’intervento del Comune ma anche di fare segnalazioni alla Polizia Locale. Una situazione che si trascina da tempo, basti pensare che sono anni che l’amministrazione comunale non provvede alla potatura di questi platani al punto tale che in alcuni stabili è anche difficile aprire le finestre di casa. Come se non bastasse c’è la questione legata ai pidocchi che hanno letteralmente colonizzato alcuni platani per tutta l’estensione del tronco.

Come non vengono fatte le potature, non vengono eseguiti nemmeno i trattamenti per ovviare al problema di questi animali che sempre piu spesso la gente si ritrova in casa. Alberi che hanno raggiunto delle dimensioni da foresta pluviale al punto tale che rami e foglie arrivano ad oscurare la pubblica illuminazione. Per avere la controprova basta fare un giro in zona nelle ore notturne per rendersi conto dell’intera situazione. Platani che rappresentano anche un pericolo per la cittadinanza soprattutto in caso di maltempo. Alcuni, come detto hanno superato in altezza i palazzi, con i rami che hanno invaso terrazze e balconi, altri invece risultano essere ammalorati alla base il che ha fatto nascere una certa preoccupazione in zona.

 

ALTRE NEWS DALLA PROVINCIA DI ANCONA

Vuoi rimanere sempre aggiornato?

Articoli più letti della settimana

Articoli più condivisi