Al via i “saldi anomali” nelle Marche

(Foto Ansa)

Confcommercio prevede un calo della spesa del 40%

Nelle Marche i saldi partono domani 1 agosto per concludersi il 15 ottobre, date indicate dalla delibera di Giunta regionale n. 582 del 17 maggio, con un’inizio posticipato rispetto al solito a causa dell’emergenza da Covid-19 e per il fatto che i negozi di abbigliamento e accessori hanno riaperto dopo il lockdown soltanto nella terza decade di maggio.

Grazie ad una deroga è stata data alle imprese la possibilità di effettuare vendite promozionali nei 30 giorni precedenti. “Saldi anomali” che rappresentano comunque un po’ di ossigeno. Dalle prime rilevazioni di Federazione Moda Italia-Confcommercio Marche, si prevede un calo della spesa tra il 40% ed il 50%, a causa delle difficoltà economiche. T-shirt, pantaloni, abitini, bermuda, camicie, costumi da bagno, scarpe donna e sandali i capi più richiesti. Su capispalla e maglieria gli sconti più importanti. L’Ufficio Studi di Confcommercio Marche prevede una spesa media di 135 euro da parte delle famiglie marchigiane, mentre ogni persona spenderà nei saldi 58 euro.

(Ansa)

Ti potrebbero interessare

Articoli più letti della settimana

Articoli più condivisi

Ultime dalla provincia