Addio al professor Luigi Miti, era l’uomo più longevo delle Marche

L’ex primario dell’Umbero I aveva 108 anni

È morto il professore Luigi Miti, l’uomo più longevo delle Marche. Il 30 dicembre scorso aveva compiuto 108 anni.

Luigi Miti, è stato luminare di medicina e scienza. Ha ricoperto il ruolo di primario all’ospedale Umberto I di Ancona e nel secondo conflitto mondiale si è distinto in qualità di capo della Resistenza partigiana.

Laureato nel giugno 1940 all’università di Roma, dopo l’abilitazione, conseguita l’anno seguente, fu chiamato alle armi, con il grado di sottotenente ed imbarcato sull’incrociatore Trento.
Colpita ed affondata la sua nave nel giugno 1942, fu raccolto ferito tra i pochi superstiti. Per l’azione di soccorso prestata ai suoi commilitoni in quei drammatici momenti gli venne assegnata la Medaglia di bronzo al valore militare.

Esonerato dal servizio militare e dichiarato invalido di IV categoria, nel maggio 1943, prese servizio all’ospedale Umberto I di Ancona su richiesta del primario della Divisione di Medicina, il professor Franco Patrignani con l’incarico di aiuto. L’ospedale anconetano divenne, infatti, grazie al suo instancabile operato nel territorio, uno dei centri più attivi delle resistenza al nazifascismo.

redazione
Author: redazione

Potrebbe interessarti anche

                       

Articoli correlati

                       

Dalla home
VUOI RIMANERE SEMPRE AGGIORNATO?

Iscriviti al nostro
canale telegram

Autore

I Più LETTI
DELLA SETTIMANA

I Più condivisi
DELLA SETTIMANA

 

Ultime NEWS