Accoltellato e ucciso sul lungomare di Civitanova, c’è un secondo indagato

Nel registro degli indagati un altro tunisino 38enne

C’è un secondo indagato, un cittadino tunisino 38enne attualmente irreperibile, per l’omicidio di Rachi Amri, 30enne ucciso con una coltellata all’emitorace sinistro l’8 agosto scorso sul lungomare sud di Civitanova Marche pochi giorni dopo l’omicidio del venditore ambulante Alika Ogorchuckwu, picchiato a morte in strada sempre a Civitanova.

Oltre al 27enne Saidi Haithem, tunisino e cugino della vittima, che avrebbe accoltellato il parente per questioni legate allo spaccio di stupefacenti, la Procura di Macerata ha iscritto sul registro degli indagati un altro tunisino 38enne accusato di concorso in omicidio volontario.

Intanto ieri il medico legale Roberto Scendoni, nominato dalla pm Stefania Ciccioli, ha eseguito l’autopsia sul corpo della vittima. L’accertamento autoptico è slittato di così tanto tempo perché serviva un verbale di identificazione, arrivato dall’estero, visto che la vittima non aveva documenti ufficiali addosso quando è deceduto dopo essere stato trasportato all’ospedale di Civitanova. Dall’accertamento è emerso che c’erano altri due tagli sul corpo del tunisino ucciso con una coltellata all’emitorace sinistro, segno di una colluttazione.
La difesa di Haithem, sopposto a fermo e attualmente in carcere, rappresentata dagli avv. Giuliano Giordani e Francesco De Minicis, ha nominato come consulente di parte, Massimo Mentili, per partecipare all’autopsia. I primi esiti attribuiscono la morte ad una emorragia interna, di un fendente profondo.

Author:

Potrebbe interessarti anche

                       

Articoli correlati

                       

Dalla home
VUOI RIMANERE SEMPRE AGGIORNATO?

Iscriviti al nostro
canale telegram

Autore

I Più LETTI
DELLA SETTIMANA

I Più condivisi
DELLA SETTIMANA

 

Ultime NEWS